Juventus-Fiorentina 3-0, le pagelle. De Ligt imperforabile, Ronaldo nella storia

02.02.2020 14:30 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Fonte: inviato all'Allianz Stadium
© foto di www.imagephotoagency.it
Juventus-Fiorentina 3-0, le pagelle. De Ligt imperforabile, Ronaldo nella storia

Szczesny 7 - Se la gara prende una piega positiva per la sua squadra buona parte del merito è suo. Strepitosa la parata con cui salva sulla deviazione volante di Chiesa da pochi passi, attento anche sulle conclusioni dalla distanza.

Cuadrado 6,5 - Quando la squadra fatica a scalfire il muro viola lui e Douglas Costa sono le uniche due alterative capaci di aggirarlo. Si sovrappone sempre con puntualità, utilissimo anche in uscita dal basso.

De Ligt 7,5 - La partita la decide Ronaldo con una doppietta, ma il suo salvataggio a due metri dalla porta su Vlahovic quando il match era fisso sulla’1-0 ha un’incisività pazzesca. Assieme al compagno di reparto limita senza patemi sia  Chiesa e Cutrone prima che Vlahovic poi. Nel recupero trova anche la rete con una girata di testa che non lascia scampo al portiere ospite.

Bonucci 7 - Gran prestazione del capitano bianconero che alza il livello sin dal primo giro d’orologio non lasciando quasi mai respirare le punte viola. Prova anche a lasciare il segno su azione d’angolo ma non è fortunato.

Alex Sandro 6,5 - Stravince il duello con Lirola sia in corsa che in fisicità. Dal suo lato non si passa quasi mai. Quando è così sul pezzo la gara per gli avversari si mette sin da subito in salita.

Bentancur 6,5 - Il 4-3-3 gli permette di inserirsi con grande frequenza in area di rigore. In più aggiunge anche la sua solita corsa quasi illimitata che, associata al suo tempismo, gli permette di recuperare diversi palloni. Nel finale guadagna anche un calcio di rigore con una serpentina da numero 10.

Pjanic 6 - Chiesa e Ghezzal lo schermano molto impedendogli di toccare palloni semplice e dare ritmo alla manovra. A targhe alterne riesce a divincolarsi come in occasione del rigore procurato con una conclusione dal limite dell’area di rigore.

Rabiot 7 - Parte a razzo mettendo sul terreno di gioco personalità, senso della posizione e tecnica di base. Poi si calibra assieme ai compagni aggiungendo quel dinamismo che ha soppressa anche Sarri (88’ Matuidi S.V.).

Douglas Costa 6,5 - Parte fortissimo dando la costante impressione di poter inventare qualcosa da un momento all’altro. È tra i più vivi anche se i compagni a volte non lo servono puntualmente complicandogli maggiormente la vita. Quando decide di cambiare marcia gli avversari faticano anche ad arrestarlo con un fallo (83’ Bernardeschi S.V.).

Higuain 6 - Qualche imprecisione di troppo negli scambi ravvicinati con i compagni al limite dell’area di rigore che incidono sulla pericolosità della squadra. Si sacrifica molto però e solo una gran parata di Dragowski gli nega la gioia del gol (67’ Dybala 6,5 - Ci mette qualche minuto a carburare ed entrare in partita ma poi congela la sfera e pennella un assist per il 3-0 di De Ligt).

Ronaldo 7,5 - Con un rigore preciso e imprendibile raggiunge un mito della juventinità come Trezeguet a quota nove partite consecutive in rete. A dieci minuti dalla fine è ancora glaciale dal dischetto nel battere Dragowski e firmare la doppietta personale.

All. Sarri 7 - Serviva una reazione emotiva e di gioco. È arrivata con un risultato netto contro un avversario ostico e con una prestazione da squadra. La mossa Douglas stanca e mette in crisi la Fiorentina così come il centrocampo di corsa e palleggio che sta piano piano costruendo.

L’AVVERSARIO

Fiorentina (3-4-3): Dragowski 5,5; Ceccherini 5, Pezzella 5, Igor 6; Lirola 5,5 (89’ Agudelo S.V.), Pulgar 5,5, Benassi 6, Dalbert 5,5; Chiesa 5,5, Ghezzal 5 (60’ Vlahovic 6), Cutrone 5 (73’ Sottil 5,5). All. Iachini 5,5.