Gli eroi in bianconero: Pietro SERANTONI

Pionieri, capitani coraggiosi, protagonisti, meteore, delusioni; tutti i calciatori che hanno indossato la nostra gloriosa maglia
 di Stefano Bedeschi  articolo letto 878 volte
Gli eroi in bianconero: Pietro SERANTONI

Nasce il 12 dicembre 1906. Nel 1927, a poco più di vent’anni Toni è militare, a Milano, gioca nella Minerva in seconda divisione in attesa di lasciare la divisa e tornare a Venezia. Lo nota Árpád Weisz, allenatore dell’Inter: per 300 lire al mese diventa neroazzurro. Nel 1929-30 è promosso titolare, debutta a Livorno e Weisz gli assegna il compito più difficile, fermare il motorino del Livorno, Magnozzi. Ci riesce e l’Inter vince 2-1. Non salta una partita, conquista il primo scudetto a girone unico, un ottimo avvio di carriera. Trova un amico, Meazza, un ragazzino esile e sperduto in mezzo ai marcantoni delle difese. E allora guai a toccarlo, Toni con lealtà ma gelidamente, è pronto a spietate vendette. Con il Pepp fa coppia fissa, dentro e fuori dal campo e l’amicizia continua anche quando il calcio diventa solo un ricordo. Esordisce in Nazionale, giocando a Bruxelles contro il Belgio (3-2 con due goal di Meazza).
La Juventus lo acquista sborsando la cifra di 65.000 lire, un anno in bianconero (siamo nel 1934-35), partecipa all’eliminatoria mondiale con la Grecia a Milano (4-0) e il 14 novembre del 1934 è uno dei Leoni di Highbury. Conquista il pubblico londinese per le sue doti di combattente e gladiatore, a fine partita scende negli spogliatoi, per congratularsi con lui, Guglielmo Marconi.
Uno scudetto bianconero con quindici presenze e l’infortunio: menisco. L’operazione, a quei tempi, era piena di incognite, anzi era una quasi certa condanna: niente più calcio: «E qui – raccontava – nella sfortuna sono stato fortunato. Con un’altra società avrei dovuto smettere di giocare, la Juventus era diversa. Mi fece curare, guarire, ma poi mi cedette alla Roma. Forse non credeva nel miracolo».
Nel 1936 debutta in giallorosso a Vienna (sconfitta per 3-1), gioca nella squadra dell’Europa Centrale (3-1 all’Europa Occidentale) ed esplode ai Campionati Mondiali in Francia. Viene giudicato uno dei laterali di maggior valore in campo mondiale.
Pozzo lo descrive in questo modo: «Serantoni non è un tecnico di qualità eccezionali. È un combattente di levatura eccelsa, nelle situazioni difficili è l’uomo che trascina alla lotta l’intera squadra».
Portabandiera della Roma, gioca l’ultimo campionato nel 1939-40 e si ritira. Dopo la guerra, accetta l’incarico di allenatore del Suzzara, del Padova (che portò in A) e per qualche mese della Roma: «Ma il calcio – diceva – non è più per me, troppi furbi». Lo delude soprattutto la Roma, che cerca di salvare dalla B sostituendo Masetti e che, invece, poco dopo lo licenzia.
Iin ritiro, con la Nazionale. Piove, Pozzo dice niente allenamento e tutti tornano in camera oppure giocano a carte. Toni, invece, si mette a correre nell’albergo, sale e scende ininterrottamente le scale. Pozzo lo ferma: «Sei matto?» E lui spiega: «Io devo allenarmi. Se fuori non posso, lo faccio qui!»
Morirà il 6 ottobre del 1964, ucciso da un tumore al cervello. La volontà ferrea che lo aveva portato dai vicoli di Venezia al titolo di Campione del Mondo si è dovuta arrendere, per la prima volta, di fronte ad un ostacolo troppo forte.