ESCLUSIVA TJ - Manuel Dimas: "Fiducia nella Juve e in Allegri, ma è troppo poco per competere con le big. Kean ed Icardi non segnano i gol di CR7, su Pjanic..."

31.08.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Manuel Dimas: "Fiducia nella Juve e in Allegri, ma è troppo poco per competere con le big. Kean ed Icardi non segnano i gol di CR7, su Pjanic..."
TuttoJuve.com

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex calciatore portoghese della Juventus tra il 1996 e il 1998, Manuel Dimas Texeira, per parlare degli ultimi avvicendamenti in casa bianconera e non solo:

L'addio di CR7 è stato un vero shock, quanti rimpianti ci sono per la Juve per non essere riuscita a vincere la Champions con lui?

"Ovviamente tutti si aspettavano che con Cristiano le possibilità potessero essere alte, ma anche con tutti i suoi gol non è stato abbastanza. Questo dimostra che per vincere la Champions League deve essere un lavoro di squadra e devono essere favorevoli tutte le varie condizioni".

Potrebbe essere una buona mossa quella di sostituirlo con Kean ed Icardi che la Juve tanto insegue?

"Penso che la Juve dovrà trovare un giocatore in grado di segnare 30/35 a stagione. E, molto sinceramente, non credo che questi due giocatori siano così prolifici sotto porta come lo era Cristiano".

Facciamo un'ipotesi: non arriva Icardi e la Juve resta così. Troppo poco per competere con i grandi nomi in Europa?

"Ogni attaccante della Juve dovrà mostrare molto di più di quanto fatto fino ad oggi. Per Dybala è il momento di caricarsi sulle spalle la squadra, Kaio è ancora troppo giovane. Kean ha bisogno di continuità e ci vorrà un Morata più goleador. Sì, è troppo poco per competere con le big".

Sembra essersi raffreddata nelle ultime ore la pista che porta a Pjanic, ma sarebbe il giocatore ideale per questo centrocampo?

"E' sempre un giocatore fantastico e sa di cosa ha bisogno la Juve a centrocampo. La sua esperienza e le sue qualità sono molto apprezzate".

L'ultima volta che ci siamo sentiti, mi hai detto che sei un tifoso di Allegri. Un solo punto in due partite, però, non è il miglior inizio che si potesse sperare. Che cosa ne pensi?

"Era inimmaginabile, certo, ma Allegri è top coach. La scorsa è stata una brutta stagione per noi, ci sono state più squadre che hanno giocato un calcio migliore del nostro. Udinese ed Empoli sono arrivate in un momento in cui i giocatori sono in ritardo di condizione, con il calciomercato ancora in corso e la questione Cristiano aperta fino all'ultimo. Ci vorrà del tempo per far vederli ad un livello migliore, sono fiducioso".

Anche se i tifosi ad oggi sono davvero tristi e sconsolati.

"I tifosi dovranno essere pazienti. Le rivali si sono rinforzate, per cui ci sarà ancora maggior concorrenza. In quei nove anni di successi, Allegri è stato in grado di contribuire a creare quella storia. E' l'allenatore giusto, farà bene".

Quindi la Juve è sempre la tua favorita in Italia?

"Non può essere altrimenti, la Juve è sempre favorita per vincere in Italia. Nel momento in cui la squadra si compatterà nuovamente, i bianconeri torneranno a fornire grandi prestazioni e soddisfazioni per i propri tifosi".

Si ringrazia Manuel Dimas Texeira per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.