ESCLUSIVA TJ - Ivano Bonetti: "Bologna spensierato, mezza Italia è antijuventina. Juve arriverà quarta, su Pirlo e la riconferma..."

21.05.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Ivano Bonetti: "Bologna spensierato, mezza Italia è antijuventina. Juve arriverà quarta, su Pirlo e la riconferma..."
TuttoJuve.com

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il doppio ex della sfida di domenica sera tra Bologna e Juventus, Ivano Bonetti, per parlarne approfonditamente e non solo:

L'ultimo ostacolo per raggiungere l'obiettivo Champions si chiama Bologna, ma non dipenderà soltanto dalla Juventus. Che cosa ne pensi?

"La Juve arriva da quattro vittorie consecutive, la medicina migliore è sicuramente la vittoria. E in più è stato portato a casa un trofeo, questo fa sempre morale. Il Bologna è ormai tranquillo, la Juve dovrà fare l'ultimo sforzo e sperare in Atalanta e Verona".

Il Bologna è già più che salvo, ma la Juve rappresenta sempre un match molto sentito.

"Sì, ma la Juve è sempre uno stimolo in più per tutti. E' risaputo che mezza Italia è juventina e l'altra è antijuventina, sicuramente il Bologna vorrà mettersi in mostra e giocherà spensierato. La Juve degli ultimi tempi, però, è sul pezzo, non si farà sorprendere anche perché si gioca davvero tanto".

"Se la Juventus avesse giocato sempre così" è un ritornello che sta risuonando da parecchie ore, ma perché i bianconeri non sono mai stati continui come gli altri anni? C'è una spiegazione?

"Rimango del parere che ogni stagione rispecchia ciò che sei. Non è che una partita può cancellare il passato, la Juve deve essere giudicata come discontinua e alcune delle partite più importanti le ha mancate quest'anno. Il significato è che non è ancora pronta per vincere, con i se e con i ma non si va mai da nessuna parte. Adesso c'è da capire se la mentalità è stata acquisita o meno, diciamo che in alcune occasioni come ad Udine si è vista ma in altre circostanze le prestazioni non sono arrivate. Avrebbe avuto bisogno di altre partite, ma ormai la stagione è al culmine".

Rimanendo in tema Champions, a tuo parere la Juve può qualificarsi?

"Prima devi battere il Bologna, poi potrai pensare alle altre. L'Atalanta non è una squadra arrendevole, a mio avviso giocherà come ha sempre fatto perché ambisce ad arrivare seconda. L'altro ieri ha dimostrato di essere molto temibile e solo una grande Juventus l'ha battuta. Il Milan doveva sbranare il Cagliari, non lo ha fatto e questo li ha portati in una brutta situazione. Il Napoli vincerà col Verona, per questo vedo una classifica con i bianconeri quarti e i rossoneri fuori dalla Champions".

Pirlo ci stupirà di nuovo inserendo Kulusevski invece dei più quotati Dybala e Morata?

"Questo non lo so, Andrea li osserva ogni giorno e solo lui può capire bene come è la situazione. E' sempre un lusso lasciar fuori Dybala che possiede quella creatività in più, ma la scelta di Kulusevski con l'Atalanta si è rivelata vincente. Il match con il Bologna se lo giocherà al meglio delle possibilità, penso che vincere non sia mai facile e ci vuole personalità per portare a casa due trofei".

La Juventus 2021/2022 sarà allenata ancora da Pirlo?

"Io non sono molto per gli stravolgimenti, quando credi ad un certo tipo di progetto è giusto che porti avanti l'idea. La Juve non poteva pensare di vincere lo scudetto per sempre, l'unica cosa da dire è che è arrivata un po' lunga per il quarto posto e c'è ancora la possibilità di agguantarlo. Gli errori di Pirlo al primo anno possono esser commessi, ma le colpe non sono tutte le sue. A mio parere non ha avuto una squadra attrezzatissima, c'è qualche lacuna. Dipendesse da me, Andrea avrebbe la mia fiducia".

Si ringrazia Ivano Bonetti per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.