ESCLUSIVA TJ - Il Ct dell'Olanda U17 sul talento Huijsen: "Impressionato da come gestisce lo stress, de Ligt il suo modello. Vi spiego la sua abilità di cannoniere"

12.04.2022 13:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Il Ct dell'Olanda U17 sul talento Huijsen: "Impressionato da come gestisce lo stress, de Ligt il suo modello. Vi spiego la sua abilità di cannoniere"

"L'Italia è il miglior posto per perfezionare l'arte del difendere", questa frase è stata espressa più e più volte da storici campioni del passato che hanno sempre elogiato l'eccellenza della nostra scuola. Chi poco a poco punta a prendere lo scettro del comando è l'Olanda, mai come ora i tulipani sono stati in grado di sfornare ottimi difensori centrali: Matthijs de Ligt, che conosciamo molto bene, ma anche Virgil van Dijk, Stefan de Vrij e il giovane talento Sven Botman molto ambito dal Milan. E nel settore giovanile si sta mettendo particolarmente in luce Dean Huijsen, che con il club bianconero sta ottenendo buonissimi risultati e punta a diventare uno dei migliori prospetti dei prossimi anni.

La nostra redazione ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il selezionatore dell'U17 Orange, Mischa Visser, per parlarne approfonditamente e non solo:

Dean Huijdsen si sta affermando come uno dei più importanti giocatori nella Juve U17. Come si può descrivere questo ragazzone di 16 anni già alto 195cm?

"Sì, sicuramente le sue ultime prestazioni sono molto convincenti. Dean è un difensore centrale di piede destro che preferisce giocare a sinistra"

Nelle varie partite che ha giocato per l'Olanda, che cosa l'ha colpita di più di questo ragazzo?

"Penso sia un giocatore molto versatile, pur essendo un centrale è molto efficace in fase offensiva e in difesa è in grado di scegliere una buona posizione e vince molti duelli con il suo imponente fisico. Mi impressiona la sua calma, non sembra esser affatto stressato. E' bravo a concentrarsi su quel che deve fare in campo, non risente dei ritmi e della pressione degli spettatori presenti. E' molto stoico".

Proprio di recente, Dean ha postato sui social una foto con Matthijs de Ligt. Ecco, Matthijs può essere importante per la sua crescita?

"Dean è in possesso del potenziale per diventare un calciatore professionista. Ma per raggiungere questo obiettivo, c'è ancora molta strada da fare. E non mi riferisco solo in campo. Matthijs de Ligt è un grande calciatore e gioca anche nella stessa posizione, per lui è positivo poterlo osservare da vicino, studiarlo, prenderlo come un modello e vedere come è essere un vero professionista. de Ligt, fin da subito, ha dimostrato di sapersi integrare bene e ha appreso l'italiano senza problemi. Questo potrebbe essere uno sprono per Dean".

Possiamo dire che assomiglia per caratteristiche a de Ligt? O c'è un giocatore del passato che può assomigliare?

"Non credo si possa paragonare Dean a nessun altro tipo di giocatore. Ha il suo stile, il suo gioco, la speranza è che sia all'inizio di una bella carriera e che possa arrivare a sviluppare al meglio tutte le sue qualità".

È un difensore con il vizio del gol: con la Juve ha segnato 7 gol in campionato, con il Malaga lo scorso anno è stato il miglior marcatore della squadra. Come si spiega la sua abilità di cannoniere?

"Uno dei motivi per cui Dean segna regolarmente è perché tira molti calci di rigori. Il fatto che lo faccia indica che può gestire bene la pressione. E' davvero una bella qualità".

Sappiamo quanto sia importante per i difensori la scuola calcio italiana. Come immagini Dean Huijsen tra dieci anni? Sarà uno dei migliori difensori del mondo?

"Prevedere il potenziale è molto difficile e lo sviluppo del talento è un processo non lineare. In questo momento sta andando bene, ma ci sono molti fattori che possono influenzare il suo futuro. Il background tecnico calcistico è olandese e anche spagnolo, ora sta studiando la scuola italiana. Questo è sicuramente un bel connubio per la sua carriera".

Si ringrazia Mischa Visser per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.