esclusiva tj

Grifo crede nell'impresa: "Risultato in bilico, il pubblico ci spingerà a segnare almeno un gol. Juve? Colpito dall'ambiente e dallo stadio, su Miretti e Fagioli..."

15.03.2023 11:00 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Grifo crede nell'impresa: "Risultato in bilico, il pubblico ci spingerà a segnare almeno un gol. Juve? Colpito dall'ambiente e dallo stadio, su Miretti e Fagioli..."
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'esterno del Friburgo e prossimo avversario della Juventus in Europa League, Vincenzo Grifo, per parlare approfonditamente del match di domani e non solo:

Quanto credete nell'impresa di superare il turno  e l'Europa-Park, la cui prima ed ultima sconfitta risale ad agosto, come potrà aiutarvi contro la Juventus?

"La Juve ci ha dimostrato il suo valore nel match di andata, è una grande squadra ed è composta da ottimi giocatori come Di Maria. C'è molto rispetto per il nostro avversario, ma giochiamo in casa e i tifosi saranno dalla nostra parte. La loro spinta potrà farci segnare almeno un gol".

Che cosa è successo a Torino? Come mai non avete dimostrato quasi nulla del vostro potenziale offensivo?

"A Torino sapevamo della difficoltà della partita, l'Allianz poi ha spinto davvero tanto la Juve a far bene. E' una squadra, poi, con tante qualità, volevamo evitare i loro contropiedi e la nostra intenzione era quella di non prendere tanti gol. Per noi è stato importante non riuscirci, il risultato è ancora in bilico e con un gol riporteremo il parziale sullo 0-0. Ce la metteremo tutta".

Il blackout avuto dalla Juventus contro la Sampdoria può darvi ulteriore fiducia per domani sera?

"Alcuni di noi hanno seguito il match con la Samp, è stata brava la Juve a superare il momento di difficoltà. I due gol subiti ci fanno capire che la loro difesa non è inespugnabile, ma arriveranno a Friburgo molto concentrati e cercheranno di evitare episodi simili a quelli accaduti domenica sera".

La Juve giocherà una partita difensiva, o pensi che loro attaccheranno dal primo all'ultimo minuto?

"Sicuramente osserveranno l'andamento del match, per noi il loro atteggiamento offensivo potrebbe essere un vantaggio per via degli spazi che potrebbero concedere. Le squadre italiane sono tatticamente molto brave a difendere, poi la Juve è esperta e conosce questo tipo di incontri. Non dovremo aver paura di rischiare, specialmente davanti ai nostri supporters".

Qualche giorno fa dicevi che avresti tolto Di Maria alla Juventus. Confermi la tua precedente scelta e che impressione ti ha fatto dal vivo?

"Di Maria è un grande giocatore, un campione del mondo, fa la differenza e la sua carriera parla per lui. Prende palla, la gioca, la smista, a volte è il regista del centrocampo. C'è tanto rispetto, oltre ad un grande stimolo di affrontare un campione del genere, ma vogliamo vincere questa partita".

A parte Di Maria, da chi sei rimasto più colpito dei tuoi avversari?

"Sono rimasto colpito non solo dai giocatori, ma anche dall'ambiente e dallo stadio. E' un club d'avanguardia, poi seguo la Serie A ed è bello vedere dei giovani come Miretti e Fagioli che possono esprimere a pieno le loro qualità".

Hai espresso profonda ammirazione per una leggenda bianconera come Alessandro Del Piero. In caso di gol alla Juve, esulterai come faceva lui? 

"Del Piero è stato un grande giocatore, lo è in realtà tutt'ora perché è in grado di fare tante cose con il pallone tra i piedi. L'ho conosciuto a Milano, è proprio una persona simpatica, è stato un piacere enorme poter chiacchierare insieme. Ho visto tanti suoi gol su YouTube, spero di poter fare come lui".

Si ringraziano Vincenzo Grifo e l'addetto stampa dell'SC Freiburg, nella persona di Sascha Glock, per la disponibilità a realizzare questa intervista.