esclusiva tj

Bia (Ag. Cambiaso): "Desiderava la Juve, ora sogna lo scudetto. Mercato? Lo voleva il Milan, ma sarebbe andato via solo per un'offerta monstre"

31.10.2023 11:00 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Bia (Ag. Cambiaso): "Desiderava la Juve, ora sogna lo scudetto. Mercato? Lo voleva il Milan, ma sarebbe andato via solo per un'offerta monstre"
TuttoJuve.com
© foto di Alessio Alaimo

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il procuratore di Andrea Cambiaso, Giovanni Bia, per parlare approfonditamente del suo assistito e non solo:

Chissà l'Andrea bambino quante volte ha sognato di giocare nella Juventus e di decidere una sfida con un suo gol molto importante. Che cosa ti ha detto subito dopo il match?

"Si è avverato il suo desiderio, ovvero quello di giocare con la Juventus e di aver siglato un gol decisivo. Ciò che lo ha più soddisfatto non è tanto la gloria personale, bensì la consapevolezza di aver portato a casa i tre punti. Andrea, con la sua marcatura, ha consentito alla Vecchia Signora di godersi una serata in vetta alla classifica, cosa che non succedeva da un po' di tempo. Era assolutamente strafelice di questo".

Sogna di vincere il tricolore con la Juventus? Ci crede?

"Sogna di vincere lo scudetto, ci crede come tutti i compagni. Quando scendi in campo, è logico che vuoi vincere tutte le partite. Ogni match fa storia a se, ma ambisce a vincere il tricolore".

L'anno scorso è stato ad un passo dal tornare alla Juve a gennaio. Ma in fin dei conti, è stato meglio rimanere a Bologna e finir lì la stagione?

"La Juve fece carte false per riportarlo indietro, ma trovò l'opposizione del Bologna che non volle rinunciare ad un giocatore così importante. E' stata la scelta giusta, perché è arrivato a Torino con un bagaglio tecnico di esperienza superiore".

In estate diversi i club si sono interessati ad Andrea. Ti chiedo se puoi fare qualche nome dei club interessati e se siete rimasti stupiti dal fatto che la Juventus lo abbia inserito tra i giocatori non cedibili questa estate.

"C'erano un paio di italiane (Bologna, Fiorentina ndr), una che era uscita allo scoperto era il Milan e anche tre o quattro di Premier erano molto interessate. Non siamo rimasti stupiti dal fatto che la Juve lo considerasse incedibile, lo avrebbe venduto solo a fronte di un'offerta da 25/30mln".

Curiosità, è ancora presto per parlare di rinnovo?

"Credo di sì, ha un contratto lungo e dovrà ancora lavorare per dimostrare il suo lavoro. Poi sarà la Juve stessa a convocarci per comunicare le proprie intenzioni, ma ora non ci pensiamo assolutamente. Pensa solo a giocare e a far bene con questa maglia, poi le cose verranno da sole".

Si ringrazia Giovanni Bia per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.