Luca Marchetti: "Valencia-Juve, si tratta ad oltranza per Cancelo. Dalle cessioni i 40 milioni chiesti dagli spagnoli"

14.06.2018 07:15 di Redazione TuttoJuve Twitter:   articolo letto 27600 volte
© foto di Federico De Luca
Luca Marchetti: "Valencia-Juve, si tratta ad oltranza per Cancelo. Dalle cessioni i 40 milioni chiesti dagli spagnoli"

L'esperto di mercato di Sky Luca Marchetti ha dato le ultime sul mercato della Juventus e non solo sulle colonne di Tuttomercatoweb. Ecco il suo editoriale: "Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedrò sarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano e che si sta trattando di fatto ad oltranza. Naturalmente la Juventus deve trovare i 40 milioni che chiedono gli spagnoli e potrebbe arrivarci con le cessioni in piedi in questi giorni (Mandragora che piace a Genoa, Samp e Atalanta, Sturaro che interessa al Leicester, Cerri che piace all’Hoffenheim e in Spagna), di sicuro il giocatore preferisce la Juve al Wolverhampton. Poi sempre nelle prossime ore vedrà anche gli agenti di Dembelé che in giornata però hanno fatto visita all’Inter (dopo aver incontrato in mattinata anche il Napoli). La volontà del giocatore è quella di capitalizzare al massimo la situazione contrattuale (scadenza 2019) ed ecco perché al momento l’offerta cinese è la migliore. La pista Nanggolan, di cui si parla sempre, al momento non ha trovato accelerazioni. Nelle prossime ore ci sarà un incontro con il sassuolo per parlare soprattutto di Duncan, di Politano e di Nico Gonzalez, obiettivo che Sassuolo e Inter potrebbero prendere insieme.
Politano, naturalmente, interessa anche al Napoli, soprattutto se dovesse partire Callejon. Napoli che continua a lavorare su Seri e che ancora non ha risolto il problema portiere (Areola piace molto ad Ancelotti ma il PSG potrebbe non darlo) mentre invece arriverà Lainer terzino del Salisburgo.
La Roma, dopo tanti acquisti pensa anche alle cessioni: Bruno Peres torna a Torino, Tumminiello vicinissimo all’Atalanta (6 milioni e riacquisto fissato a 12 almeno per il primo anno). La Samp delle grandi cessioni continua a seminare per il futuro: piace per l’attacco Lagumina del Palermo, mentre ha già accolto Ferrari (Alex) e presto farà fare le visite mediche anche a Berisha. La Fiorentina sta per chiudere con lo Zilina per David Hancko, difensore classe 1997 che costerà circa 3 milioni di euro. Più o meno stessa cifra anche Soucek, centrocampista 1995 dello Slavia Praga: incontro positivo con gli agenti, ora bisogna trovare accordo definitivo con il club. La Lazio sta per chiudere Durmisi dal Betis, e si vedrà nelle prossime ore con il West Ham per discutere della cessione di Felipe Anderson: gli inglesi offriranno 30 milioni più una percentuale sulla futura rivendita. A Parma piace Barisic, terzino sinistro croato dell’Nk Osijek, all’Empoli piace Mraz dello Zilina, alla Spal si chiude nelle prossime ore Fares dal Verona e Dickmann dal Novara.
Poi il capitolo Fair Play Finanziario. Nessuna sorpresa in casa Roma e nessuna sorpresa in casa Inter, visto che si aspettavano di continuare nel regime di FFP anche per la prossima stagione. Cosa comporta? Nulla di particolare, lo ha spiegato la stessa società nerazzurra: restrizioni per la rosa delle competizioni europee (22 giocatori) e la necessità di mantenere equilibrio fra i ceduti e acquistati (sempre nella lista europea). Quindi al massimo l’Inter dovrà valutare bene la spesa per gli acquisti o rischia di dover fare come un paio di anni fa quando nella lista per l’Europa League non vennero inseriti Joao Mario, Kondogbia e Gabigol. La vera sorpresa è la situazione del PSG: nessuna limitazione, sempre obbligo di rimanere entro un -30 al massimo per le ultime 3 stagioni. Evidentemente le sponsorizzazioni con (anche con il Qatar...) hanno prodotto i loro effetti... questi sì che è un aspetto da migliorare per il FFP...
Non ha ancora risolto i problemi il Milan ma potrebbe farlo a breve visto che Yongong Li avrebbe praticamente identificato il socio di minoranza. Quindi se così fosse problema 32 milioni (ultima tranche della ricapitalizzazione) sarebbe risolto e si potrebbe anche ipotizzare anche un disimpegno di Elliot se venissero confermate le indiscrezioni, per diventare poi azionista di maggioranza. Da quello che abbiamo saputo si tratterebbe di un imprenditore indonesiano di Kuala Lumpur, ma con interessi a Singapore. Intermediario dell’operazione sarebbe invece Jorge Mendes, in ottimi rapporti con l’attuale dirigenza, tanti che in questi giorni Mendes sarebbe a Singapore per cercare di chiudere questa intermediazione.
Chiudiamo con la Spagna: un caos incredibile in neanche 24 ore. Quando la forma vale più della sostanza...