Ulivieri: "Se a breve ritorneranno a lavorare le fabbriche, non vedo perché il calcio non può ricominciare a muoversi. Campionato da finire"

03.04.2020 15:10 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Ulivieri: "Se a breve ritorneranno a lavorare le fabbriche, non vedo perché il calcio non può ricominciare a muoversi. Campionato da finire"

Intervistato dal QS, Renzo Ulivieri ha parlato della ripresa del campionato: ""Le dico tranquillamente qual è la nostra posizione. E’ ovvio e giusto salvaguardare la sicurezza del mondo del calcio, rispettare i canoni che ci sono e ci dovranno essere per ripartire, ok? Detto questo noi diamo la nostra disponibilità a ricominciare. Siamo chiari: se oggi le autorità che gestiscono l’emergenza sanitaria o magari il Governo, ci dicessero che c’è bisogno del nostro lavoro, di riaccendere il mondo del calcio, anche per una questione psicologica o sociale... beh, è il nostro lavoro e quindi, lo ripeto, piena disponibilità a tornare a lavoro. Ho un pensiero personale su questo. Leggo che, dopo Pasqua, potrebbe ripartire qualcosa... Dunque: se magari si faranno tornare in fabbrica alcune categorie di lavoratori, davvero il calcio non sarebbe in grado di ricominciare a muoversi? Io dico di sì. In sicurezza, ovvio, ma se qualcuno presto tornerà a lavorare, noi abbiamo l’obbligo di mandare un messaggio di disponibilità a fare lo stesso. Siamo una categoria privilegiata, è bene ricordarselo e dare l’esempio è un qualcosa che ci viene naturale. Io non ho dubbi e l’ho detto anche in altre occasioni. Spero davvero si possa finire la stagione, anche sforando giorni dei mesi che verranno. Anche giocando un giorno sì e uno no. Sì, cerchiamo di finirlo".