UFFICIALE - FIGC, ecco il protocollo per la ripresa del calcio

01.06.2020 19:40 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
UFFICIALE - FIGC, ecco il protocollo per la ripresa del calcio

Il calcio è pronto a ripartire e la FIGC, attraverso il proprio sito ufficiale, ha reso noto quello che è il protocollo che gli addetti ai lavori coinvolti dovranno seguire. Resta l’ostacolo più grande ossia la quarantena obbligatoria di 14 giorni di tutto il gruppo squadra in caso di un contagio. Tamponi ogni 4 giorni e test sierologici ogni 15.

STADIO - Tre zone diverse: area tecnica, spalti e area esterna. Ognuna di queste zone potrà avere massimo 130 persone, ma in totale dovranno essere al massimo 300, in numero minore in Serie B e Serie C. Le due squadre si presenteranno allo stadio in orari differenti (1h40’ prima del match quella in trasferta, 1h30’ quella di casa). In campo nelle tre ore di evento potranno esserci:  i 22 giocatori in campo, le 24 riserve e i membri dello staff, oltre a massimo 6 raccattapalle. Suggerito l’utilizzo di più state possibili per gli spogliatoi. I calciatori si misureranno la temperatura corporea, utilizzeranno disinfettanti, alimenti confezionati, bottiglie personalizzate e manterranno la distanza di due metri negli spogliatoi. Docce singole o da svolgersi preferibilmente presso la propria abitazione o in albergo.

ARBITRI - La squadra arbitrale dovrà arrivare 1h45’ prima della gara, ciascuno componente con il proprio mezzo. I calciatori non potranno parlare con i direttori di gara se non ad almeno un metro e mezzo di distanza.

ATTIVITÀ MEDIATICHE - Le intervista a fine primo tempo e fine partita dovranno rispettare la distanza di due metri fra giornalista e protagonista (1,5 metri per le superflash sul terreno di gioco). La mixed zone sarà chiusa. La conferenza stampa sarà prodotta e distribuita in streaming/televisivamente con raccolta delle domande tramite Whatsapp o Skype e sottoposte all’allenatore da ufficio stampa/delegato/hostess.