Teotino: "Pericolo Superlega sventato, ma il futuro del calcio divide: restano interrogativi su come e cosa cambiare"

22.01.2021 15:20 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
Teotino: "Pericolo Superlega sventato, ma il futuro del calcio divide: restano interrogativi su come e cosa cambiare"
TuttoJuve.com
© foto di Image Sport

Nel suo pezzo per La Gazzetta dello Sport, Gianfranco Teotino ha parlato così della Superlega: "Superveto mondiale alla Superlega europea. Con un’iniziativa senza precedenti, Fifa, Uefa e tutte le altre confederazioni continentali hanno prodotto un documento comune per dire non soltanto che una tale competizione non sarebbe autorizzata da nessuna delle autorità calcistiche internazionali, ma anche che i club e i singoli giocatori che vi fossero coinvolti sarebbero automaticamente esclusi da qualsiasi altro torneo ufficialmente riconosciuto: né campionati nazionali né Coppe né Mondiali né Europei o altre manifestazioni continentali. Sappiamo che uno dei suoi più convinti sostenitori è il presidente del Real Madrid Perez e forse non è un caso che l’altolà di Fifa e Uefa sia arrivato proprio 48 ore dopo un lungo incontro a Torino fra Florentino e Andrea Agnelli, che non è solo il patron della Juventus, ma anche il presidente dell’Eca, Associazione dei club europei, il cui peso continua a crescere anche a livello Uefa. Recentemente Agnelli non si è mai espresso esplicitamente a favore della Superlega, ma ha ripetutamente sottolineato la necessità di reperire risorse aggiuntive attraverso nuove iniziative e nuovi format, in grado anche di risvegliare l’interesse un po’ sopito delle più giovani generazioni. Temi che restano ineludibili e sui quali evidentemente le posizioni ai vertici del calcio internazionale sono molto distanti. Per la storia, le tradizioni e l’essenza stessa di questo sport la Superlega non può essere la risposta giusta. Il pericolo da ieri, grazie al pronunciamento arrivato da Zurigo, non è più all’orizzonte. Ma gli interrogativi su come e cosa cambiare restano tutti aperti".