Tacchinardi a Tmw: “Juve in crescita ma classifica impietosa”

19.09.2021 23:45 di Massimo Pavan Twitter:    vedi letture
Tacchinardi a Tmw: “Juve in crescita ma classifica impietosa”
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

L'ex calciatore e tecnico Alessio Tacchinardi a Zona Goal, nella serata di TMW Radio, ha detto la sua sul pareggio tra Juventus e Milan.

Juventus che non ha avuto la forza di chiudere la partita?
"Non penso che gli sia venuto il braccino. Credo che debba migliorare la mentalità per fare di più e non accontentarsi. Entrambe hanno giocato in Champions, ma la Juve con una squadra di scarso livello e un giorno prima del Milan, che ha pagato a livello fisico. Nel secondo tempo la Juventus invece ha rallentato invece di spingere. Nella prima frazione mi è piaciuta molto ma poi ha rallentato, senza voler azzannare il Milan. Per un errore di marcatura persa una grande occasione. Fa impressione ora vedere lì in fondo la Juve".

Milan che nonostante i tanti problemi ha rischiato anche di vincere:
"Un paio di anni fa il Milan non l'avrebbe pareggiata questa partita. Ha dimostrato di essere la squadra che sta meglio fisicamente. Oggi gli mancava la prima punta, ma si è dimostrata comunque una squadra che non molla. E' un'iniezione di fiducia in un percorso di crescita che continua. E' una squadra giovane e pareggiare a Torino ti dà autostima".

La Juventus ci crede in Allegri?
"Oggi ho visto un bel primo tempo, una Juventus cattiva e feroce. Voglio dare ancora una decina di partite per vedere la vera Juventus. Mancano i gol pesanti di Ronaldo e alla lunga questo si sentirà tanto. Kean non è mai stato un goleador, quindi lì davanti farà fatica. Aumenterà la pressione ora, è meglio giocare subito ma si deve crescere in condizione e mentalità. Allegri è stato chiamato per questo, ora si sta zoppicando ma troverà la quadra".

Per i bianconeri quindi non è tutto da buttare:
"La classifica è impietosa, vedere la Juventus penultima fa effetto. Continuo a dire che la Juve però riuscirà a tornare su, ma in mezzo al campo c'è poca gente che fa gol. E questo mi preoccupa".