Rizzoli: "Si potrà parlare con gli arbitri ma il rispetto parte della distanza. Nella sala VAR tre persone invece di quattro"

25.05.2020 13:50 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Rizzoli: "Si potrà parlare con gli arbitri ma il rispetto parte della distanza. Nella sala VAR tre persone invece di quattro"

Così come i calciatori anche gli arbitri attendono la data di ripartenza per la Serie A in modo da prepararsi: Nicola Rizzoli pensa ad un ritrovo a Coverciano una settimana prima del re-start per allenamenti e controlli medici da protocolli. E poi le novità in campo, come la distanza da mantenere tra giocatori e arbitro in fase di proteste: "Si potrà dialogare tranquillamente avendo rispetto per il direttore di gara: quindi confronto tra due persone, non uno contro quattro. Il rispetto parte proprio dalla distanza".

Intervistato da SportMediaset, Rizzoli ha parlato anche del VAR e del come cambierà con la pandemia: "Nella sala VAR ci saranno solo tre figure invece di quattro, così aumenteranno le distanze interpersonali. All'interno della cabina di regia, distanziati da plexiglass e con guanti e mascherine, ci saranno VAR, AVAR e operatore mentre lo spotter, che comunicava con la regia, rimarrà all'esterno".

Sulle polemiche su Inter-Juve del 2018 dopo le parole di Pecoraro: "Non ho niente da dire se non che Orsato è un arbitro di grandissimo spessore".