Malagò: "Il format della Serie A? Mi stupisco che qualcuno abbia provato a ragionare in modo diverso"

12.02.2024 18:00 di Alessandra Stefanelli   vedi letture
Fonte: ANSA
foto ANSA
foto ANSA
© foto di ANSA

(ANSA) - ROMA, 12 FEB - "La lega di Serie A vuole rimanere a 20 squadre? Oggettivamente non mi sembra che ci sia niente da stupirsi, anche negli anni passati c'è stata una contrapposizione-dialogo tra alcuni, non sempre tutti i grandi club e quelli che hanno esigenze diverse. E' chiaro che ci sono delle dinamiche statutarie che non possono che essere rispettate, però non mi stupisco che ci siano dei soggetti che abbiano provato a ragionare in un modo diverso, così come capisco perfettamente gli interessi anche della maggioranza dei club, è molto semplice". Lo ha detto il presidente del Coni Giovanni Malagò a margine del convegno "Osservatorio valore sport" organizzato da The European House Ambrosetti, parlando di quanto sta avvenendo in Lega calcio di Serie A con alcuni club che hanno votato per una Serie A a 18 squadre. "Adesso poi come se ne viene fuori, è tutta una partita all'interno del mondo del calcio - ha detto ancora Malagò -, sia sotto il profilo di quelle che sono le logiche che rappresentano la federazione con le componenti e quelle che sono le dinamiche, anche legate ai eventuali diritti di veto o meno. Ognuno di noi ha delle problematiche di politica sportiva e sicuramente questo non lo invidio".

Quanto al rischio di un terremoto istituzionale nel calcio, il presidente del Coni ha sottolineato che "c'è un fronte che rimane decisamente compatto a mantenere uno schema di campionato e di regole, e c'è qualcuno che cerca, nell'ottica di quelle che sono le dinamiche, di valorizzare più possibile l'importanza dei loro club. Sapete che io sono sempre stato, anche quando è nata l'idea della Superlega, totalmente un fautore che si dovesse rispettare e far privilegiare il diritto sportivo". "Dopodiché è chiaro che questa è la solita partita - ha concluso Malagò -, dal mio modesto punto di vista, che non deve portare ad avere dei vincitori al quadrato e degli sconfitti al quadrato". (ANSA).