La convinzione di Condò: "Il calcio africano ha colmato il gap di gioco con la borghesia europea"

25.11.2022 13:20 di Niccolò Anfosso   vedi letture
La convinzione di Condò: "Il calcio africano ha colmato il gap di gioco con la borghesia europea"
TuttoJuve.com

Molte partite in totale equilibrio, anche quando in realtà non ce lo aspetteremmo. La fotografia di questi primi sei giorni di Qatar2022 ha esplicitato vivacità, dinamismo e alcuni risultati sorprendenti, ricordando il capitombolo dell'Argentina con l'Arabia Saudita e l'impresa del Giappone con la Germania. Eccezion fatta per l'Inghilterra, che ne ha rifilati 6 all'Iran, e per la Spagna (sette reti alla Costa Rica), sono stati pochi i confronti squilibrati. Perfino la Francia era inizialmente passata in svantaggio contro l'Australia, il Portogallo ha vinto a fatica col Ghana e l'Olanda ha conquistato i tre punti imponendosi sul Senegal sul viale del tramonto. Prova a fornire una chiave di lettura a questi risultati il giornalista Paolo Condò, sulle frequenze de La Repubblica: "Il calcio africano ha colmato il gap di gioco con la borghesia europea: Marocco e Tunisia hanno fatto match pari con Croazia e Danimarca, mentre Camerun e Senegal hanno sì ceduto a Svizzera e Olanda, ma dopo aver mancato le loro occasioni. Ed è proprio questo il punto: per vedere gol africani è stato necessario attendere il Ghana, due volte a segno nella gara gestita malissimo".