Giordano a TMW Radio: "Juve è un top club, non prenderei in considerazione le cessioni di Dybala e CR7"

13.04.2021 19:00 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Giordano a TMW Radio: "Juve è un top club, non prenderei in considerazione le cessioni di Dybala e CR7"
TuttoJuve.com
© foto di Image Sport

L'ex calciatore e tecnico Bruno Giordano a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, ha detto la sua sui temi del campionato.

Juventus, guardando in prospettiva si può continuare con Ronaldo, rinunciando a Dybala e a Pirlo? Oppure tenere Pirlo e vendere i giocatori?
"La Juventus è un top club e quindi non prenderei in considerazione la cessione di Dybala e Ronaldo. Per sostituirli dovresti spendere cifre importanti. Io credo che la Juventus con un paio di giocatori importanti, a partire dall'alternativa ad Alex Sandro e un centrocampista di spessore mondiale, può riprendere a ragionare da grande squadra. L'allenatore? Poi dipende dai programmi. Io credo che questa stagione sia servita come esperienza a Pirlo".

Pirlo lo terrebbe?
"Adesso è in pericolo anche la zona Champions. Se dovesse arrivare un altro allenatore, un conto sarebbe fare la Champions, un conto è fare l'Europa League. E un tecnico importante è difficile che vada in una squadra da ricostruire". 

Spalletti andrebbe bene in un contesto del genere?
"E' un grande allenatore, la gestione del gruppo è difficile. Lo abbiamo visto con Totti e Icardi, ma è uno dei tecnici italiani più bravi".

Milan, un pensiero sulla squalifica di Ibrahimovic:
"Vuol dire che non ha offeso l'arbitro e neanche andava espulso".

Napoli, Roma e Lazio: su cosa devono puntare per rientrare in zona Champions?
"Il Napoli mi convince tanto, ha ritrovato tutti gli effettivi, stanno bene fisicamente e mentalmente. Hanno sbagliato solo un ora contro la Juve in due mesi. Metto fuori la Roma. Recuperare 7-8 punti a tre squadre è impossibile. Poi credo abbia scelto ormai l'EL piuttosto che il campionato".

Sarri vicino alla Roma:
"Se metti i giocatori sui binari, soffrono. Devi dargli delle indicazioni. Lui ha bisogno di ricostruirsi anche lui, quest'anno è stato fermo. E' un buonissimo allenatore. In generale dipende dagli obiettivi .Se hai tempo bene, ma se devi vincere subito è difficile che riesci a crescere con calma".

Lazio, che succede a Immobile?
Quando non fai gol, 6-7 giornate è un'infinità. Può capitare un periodo così. C'è anche un po' di sfortuna per lui, ma è il mestiere dell'attaccante. Fai gol quando non te lo aspetti, quando lo cerchi invece può non arrivare".