Gazzetta - Caso Pogba-Solskjaer

18.02.2020 08:40 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Gazzetta - Caso Pogba-Solskjaer

Per Gazzetta, Solskjaer contro Pogba, Raiola contro Solskjaer: nel lungo addio tra il Manchester United e il campione del mondo francese c’è un nuovo atto, forse più importante di altri. E la Juve non può che seguire con interesse questa polemica apertissima, un assist dopo l’altro per la campagna di rientro in Italia. Stavolta il tecnico dei Red Devils ha dichiarato che il centrocampista non può decidere da solo il suo futuro e la replica di Mino Raiola è immediata: «Paul non è mio e di sicuro non è proprietà di Solskjaer, Paul è di Paul Pogba. Non si può possedere un essere umano già da molto tempo sia nel Regno Unito che altrove. Spero che Solskjaer non voglia suggerire che Paul sia prigioniero».

 La frattura tra Pogba e il mondo United si era già consumata sotto la gestione di Mourinho. Polemiche tecniche, ma soprattutto una mancanza di fiducia reciproca. L’agente nei mesi scorsi ha agito sotto traccia, ma ormai è uscito allo scoperto. Non a caso giovedì dopo Milan-Juve, ha detto chiaramente che il suo assistito vuol tornare in Italia e che la Juve è la sua casa. Un passaggio significativo che ha determinato la reazione del tecnico norvegese.

 Come ai tempi di Barcellona Raiola aveva battagliato con Guardiola per il ritorno di Ibrahimovic in Italia, sponda- Milan, stavolta prende di mira Solskjaer: "Prima di commentare dovrebbe informarsi meglio sul contenuto di ciò che è stato detto. Sono un uomo libero che può pensare ed esprimere le proprie idee. Fino a ora forse sono stato troppo gentile. Solskjaer dovrebbe solo ricordare ciò che ha detto in estate a Paul. Penso che Solskjaer possa essere frustrato per diversi motivi e che abbia altre cose di cui preoccuparsi. Almeno, se fossi in lui lo farei". In questo periodo Pogba sta recuperando da un infortunio e anche ieri ha postato immagini relative alla sua rieducazione. Ma non è lontano il giorno in cui dovrà tornare a Manchester ed è facile precedere che il contatto diretto favorirà nuovi contrasti. Raiola ormai ha il fucile puntato.