Furia Lotito: "Il sistema non garantisce affidabilità. Superati tutti i limiti. Lo sport è merito e rispetto delle regole: oggi sono venute meno"

01.03.2024 23:41 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Furia Lotito: "Il sistema non garantisce affidabilità. Superati tutti i limiti. Lo sport è merito e rispetto delle regole: oggi sono venute meno"
TuttoJuve.com

Il presidente della Lazio Claudio Lotito furibondo per l'arbitraggio di Di Bello dopo la sfida con il Milan. Le sue parole di fuoco ai microfoni di Dazn:

Cosa si sente di dire?
"Mi sento di dire che quando il gioco assume questi connotati, servono altro organismo per fare determinate valutazioni. Manca l'affidabilità del sistema, quindi bisogna ricorrere a istituzioni terze che pongano fine a situazioni incresciose. Si deve vincere per merito, mentre oggi si è superato tutti i limiti possibili. Vengo io a parlare per evitare che le parole vengano strumentalizzate. La squadra si farà valere nelle sedi preposte. Il sistema dovrà dare risposte, con fatti e non con parole".

A quali episodi si riferisce?
"Non faccio l'arbitro, che deve capire quando arriva il punto di equilibrio e quando il punto di rottura. Non ci sono le condizioni per trovare un punto d'incontro".

Ha parlato con Di Bello?
"Non so neanche chi sia. Ho visto come ha arbitrato: è giunto il momento che la Lega abbia una condizione terza, perché il sistema non garantisce affidabilità".

Si riparte dalla prova di stasera?
"Alla squadra non rimprovero nulla, ha avuto anche qualche occasione per vincere a dispetto delle aspettative di qualcuno. Lo sport è merito e rispetto delle regole: oggi sono venute meno".

Ha parlato con il mister?
"Con il mister non c'è nessun contrasto, ma solo confronti dialettici volti a comporre e mai a dividere. Valuto i risultati e, quando dipendono da altri, bisogna agire".

Fiducia in Sarri?
"Nessuno l'ha messo in discussione. Sconfitta forzata".

Cosa ha detto alla squadra?
"Guardiamo avanti e pensiamo al prossimo appuntamento. Nessuna responsabilità della squadra".

Che risposta si aspetta dalle istituzioni?
"Non mi aspetto nessuna risposta. So quali sono le istituzioni a cui rivolgersi e quali mezzi servono per intervenire".

Un messaggio ai tifosi?
"Di avere fiducia nella correttezza della società. Capisco l'amarezza, chi ha visto la partita si è reso conto di come sono andate le cose. Dobbiamo pensare al futuro, sperando che questi episodi non si ripetano più".