Fiorentina, Barone: "Stagione da concludere per il bene del calcio ma prima la salute. Chiesa? Parleremo quando questa situazione sarà finita"

08.04.2020 12:40 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
Fiorentina, Barone: "Stagione da concludere per il bene del calcio ma prima la salute. Chiesa? Parleremo quando questa situazione sarà finita"

Intervenuto ai microfoni di Radio Sportiva, Joe Barone, direttore generale della Fiorentina ha parlato di alcuni temi d'attualità:

Sulla situazione coronavirus in casa Fiorentina: "Al momento la situazione è abbastanza sotto controllo alla Fiorentina. I nostri tre calciatori colpiti sono completamente negativi. Abbiamo avuto un'altra decina di persone tra medici, fisioterapisti e relative famiglie, alcune anche con situazioni molto serie, per fortuna ora la situazione è sotto controllo. Fortunatamente ci siamo mossi per tempo, chiudendo subito centro sportivo e sede, seguendo tutti i protocolli di sicurezza. Speriamo che il peggio sia passato".

Sulla conclusione dei campionati: "Per il bene del calcio sarebbe bene concludere questa stagione senza sacrificare la prossima. Prima di tutto, però, viene la salute e la gente sta morendo. Se non ci sono rischi per squadre e addetti ai lavori è giusto giocare, altrimenti no. Si deve guardare a lungo termine".

Sulla questione stipendi dei calciatori: "Il comunicato della Lega è stato richiesto da tutte le società di Serie A. In questo confronto siamo stati molto uniti. La questione stipendi non si limita solo a quelli dei giocatori, ma è un discorso molto più ampio sulla sopravvivenza del calcio italiano dopo questa crisi. Ora ci aspettiamo un grande senso di responsabilità, di collaborazione e di presa di coscienza da parte dei calciatori. Non si parla solamente dei giocatori, sia FIFA che UEFA devono intervenire. Sono sicuro che tanti giocatori sono disposti ad aiutare. O ne usciamo uniti e compatti, o andremo tutti a casa. Situazione nel nostro spogliatoio? Ho parlato con i nostri capitani, vogliono come funziona il sistema".

Sul bilancio della sua prima stagione alla Fiorentina: "Devo sempre ringraziare Rocco Commisso per questa opportunità e Daniele Pradè che mi è sempre stato vicino e mi ha aiutato ad inserirmi in un mondo così complesso. Ho conosciuto molti procuratori, come Branchini, Minieri e Lippi, ora posso contare su una serie di rapporti con persone che sono nel calcio da una vita. Spero di poter dare una mano per far crescere il calcio italiano anche a livello mondiale. Sono stati dieci mesi bellissimi, lavorando intensamente sia sulla squadra che sulle strutture, siamo sulla strada giusta".

Su Federico Chiesa: "Con lui abbiamo un ottimo rapporto, sincero, siamo contenti entrambi. C'è grande serenità e rispetto da parte sua, della sua famiglia e da parte nostra. Alla Fiorentina i giocatori devono arrivare per restare, qui possono crescere, maturare e anche andare in Nazionale. Quando questa situazione sarà alle spalle ci sarà modo per parlare".

Sulla questione stadio: "Torniamo prima a giocare (ride, ndr). Lo stadio è un concetto molto importante al quale tutta la Lega Serie A sta lavorando. Alle società servono altre entrate, che per ora sono molto ristrette, è queste possono arrivare da nuovi impianti".