Di Napoli: "Scudetto? La Juve resta la squadra da battere ma non si aspettava Inter e Lazio così agguerite"

21.02.2020 12:50 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Sarah Furnari/TuttoLegaPro.com
Di Napoli: "Scudetto? La Juve resta la squadra da battere ma non si aspettava Inter e Lazio così agguerite"

L'ex attaccante Arturo Di Napoli ai microfoni di Radio Sportiva, ha parlato di alcuni temi d'attualità:

SULL'INTER: Vincere aiuta a vincere. Sta facendo un campionato straordinario e l'Europa League è sempre una coppa di prestigio. Ha i giocatori per fare il turn over. Ha una rosa corta ma abbastanza completa e importante. In campionato hanno giocato quasi sempre gli stessi.

SU ERIKSEN: Giocatore straordinario, un top player come lui può giocare in qualsiasi ruolo. Il nostro campionato è molto difficile, bisogna dargli la possibilità di potersi inserire. I meccanismi di Conte sono collaudati e non ha bisogno di consigli su come utilizzarlo.

SULLA LOTTA SCUDETTO: Credo che la Juve è sempre e comunque la squadra da battere, anche se sono più proiettati alla Champions. Forse non si aspettavano un'Inter ed una Lazio così preparate.

SULLA LAZIO: E' una realtà importante e se la potrà giocare fino in fondo, hanno tutto da guadagnare e niente da perdere.

SU GATTUSO: Ha preso una squadra con grossi problemi di spogliatoio e non è stato facile per lui. E' un allenatore preparato e sta facendo tornare l'entusiasmo a Napoli, penso da qui alla fine potrà avere grandi risultati.

SU MERTENS: Prima non era nessuno, dovrebbe essere riconoscente verso una società che lo ha fatto diventare grande. Qualcosa si è rotto e Napoli ha bisogno di ripartire da giocatori nuovi, che abbiano entusiasmo e voglia.