Beccantini: "Chiellini e Dybala, la storia che passa e saluta. Lo Stadium fischia Agnelli perché il cuore non è una plusvalenza"

17.05.2022 22:45 di Redazione TuttoJuve Twitter:    vedi letture
Beccantini: "Chiellini e Dybala, la storia che passa e saluta. Lo Stadium fischia Agnelli perché il cuore non è una plusvalenza"
TuttoJuve.com
© foto di Lorenzo Marucci

Il giornalista Roberto Beccantini commenta quanto avvenuto ieri sera allo Stadium sul suo sito internet. Le sue parole: "Il guerriero. Il ballerino. L’addio di Chiellini ha schiacciato quello di Dybala in uno Stadium feriale ma festaiolo, con le ragazze della Juventus premiate per il quinto scudetto e il popolo a buttarsi sui ricordi. Giorgio è uscito al minuto 17, come i suoi anni al servizio di Madama, avvicendato da De Ligt. Dybala al minuto 77, sostituito dal ventenne Palumbo. Il laureato è stato una corazza, l’Omarino - 115 gol, 48 assist - uno dei più mancini dei tiri (furtarello da Edmondo Berselli, che così scrisse in onore di Mariolino Corso).

E’ lo sport che coinvolge, è la passione che stravolge. Ognuno ha le sue. Solo l’azzurro, quando vince, ci unisce: e non sempre. Poi c’è stata anche «una» partita. La Lazio di Sarri, il tecnico del nono e ultimo «scudo», che il sottoscritto e pochi altri non avrebbero esonerato. Le mancava Immobile, il capo-cannoniere. La Juventus era stremata, svuotata dalle burrasche di coppa. Agli invitati, lo chef Max ha offerto il solito buffet. Tutti dietro ad attendere, educati, e qua e là stelle filanti e fuochi d’artificio in giardino. Come i gol: Vlahovic di testa, subito, su cross di Morata; e poi Morata, di destro, al culmine di un contropiede Dybala-Cuadrado. Nel mentre, Chiellini continuava a girare e a firmare autografi, la barbetta patibolare, il naso grifagno (dallo zaino del grande Camin: ma forse era il baffo; no, il baffo era circasso).

Alla ripresa, la Lazio segnava subito (carambola Patric-Alex Sandro), il popolo continuava a commuoversi. Allegri raschiava il fondo della under, con Palumbo, con Aké (Miretti c’era fin dall’inizio). Il 2-2 piombava, ultimo e trafelato ospite, al 96’, con Milinkovic-Savic, dopo che Ayroldi aveva valutato, alla Orsato, un contatto Zaccagni-Cuadrado. Finiva l'amichevole, non la notte, mai troppo piccola per momenti così: lo Stadium che fischia Agnelli, perché il cuore non è una plusvalenza; Chiellini che «placca» tutti, come ai bei tempi; Dybala che piange, la storia che passa e saluta".