Qui Tuttosport - Xavier Jacobelli: "L'ombra di Allegri si allunga sulla panchina di Pirlo: decisiva la gara con il Napoli"

05.04.2021 11:20 di Xavier Jacobelli Twitter:    Vedi letture
Qui Tuttosport  - Xavier Jacobelli: "L'ombra di Allegri si allunga sulla panchina di Pirlo: decisiva la gara con il Napoli"
TuttoJuve.com

Ogni lunedì la redazione di Tuttojuve.com analizza i temi caldi del nostro calcio con una delle firme più autorevoli del giornalismo sportivo italiano, Xavier Jacobelli, direttore di Tuttosport. Ecco il suo intervento:

"Chi l'avrebbe mai detto che Juventus-Napoli, la non partita del 4 ottobre scorso, poi rinviata in marzo e poi spostata ad aprile, sarebbe stata decisiva per la panchina di Andrea Pirlo e non certo per quella di Rino Gattuso?  E invece mercoledì 7 aprile, Allianz Stadium, questo accadrà, perchè molto del futuro dell'attuale tecnico bianconero dipenderà dall'esito del confronto con il Napoli, in prepotente rilancio e più che mai smanioso di agguantare a fine campionato la qualificazione alla Champions League. Il pareggio nel derby, dopo la clamorosa sconfitta interna con il Benevento, ha reso ancora più fragile la panchina di Pirlo, ma certo non solo e soltanto per alcuni errori che fatalmente poteva commettere il tecnico al debutto assoluto in Serie A e all'esordio sulla panchina della squadra che ha vinto consecutivamente gli ultimi nove Scudetti, ma anche perchè la squadra nel momento di maggiore difficoltà non ha corrisposto per nulla alle sue aspettative, tutt'altro. L'errore di Kulusevski da cui è scaturito il gol di Sanabria è, se vogliamo, il paradigma della fragilità di un centrocampo che dall'inizio della stagione non ha ancora trovato un suo assetto definitivo. Per non dire poi della vicenda extra-sportiva, che ha caratterizzato la vigilia dell'incontro con un Torino che al contrario, e nonostante la sua posizione in classifica, probabilmente ha disputato il miglior derby degli ultimi 6 anni, tanto era trascorso dal risultato positivo più importante, cioè una vittoria ottenuta nel 2015. E se è vero, come è vero, che Cairo ha vinto una sfida stracittadina su 34, nell'arco della sua gestione, è altrettanto vero che la formazione di Nicola ha messo sotto la Juventus sotto l'aspetto del gioco, della grinta, della determinazione. Se non ci fosse stato il 24esimo gol di Cristiano Ronaldo ad agguantare i granata in extremis, la situazione si sarebbe fatta molto più seria e incerta per il futuro di Pirlo. L'ombra di Massimiliano Allegri si allunga sulla panchina di Pirlo. Vedremo cosa accadrà al termine del confronto con il Napoli che la Juventus deve assolutamente cercare di vincere sebbene le condizioni di partenza siano le peggiori, contro un avversario che invece crede sempre più nella possibilità di coronare la rincorsa alla qualificazione alla Champions League al termine del campionato. Certo è che l'incontro pre-pasquale di Agnelli con Pirlo, per quanto rientri nei canoni di una collaudata e consolidata amicizia, nel rapporto di stima fra il presidente e l'ex allenatore bianconero, proprio in un momento come questo ha contribuito ad alimentare le ipotesi sull'immediato futuro di una Juventus che più che mai in questo momento ha bisogno di ritrovare una vittoria che scacci molti fantasmi".