UN’IMPRESA NON VALE LA COPPA, LA LEZIONE DI MADRID

15.03.2019 06:45 di Massimo Pavan Twitter:   articolo letto 18320 volte
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
UN’IMPRESA NON VALE LA COPPA, LA LEZIONE DI MADRID

Un’impresa non vale la coppa, questa la regola principale che c’è in Champions con la Juventus che ha già terminato le possibili feste dopo la grandissima impresa della notte con l'Atletico Madrid. Il calcio insegna che le grandi vittorie devono essere un trampolino e non una base per sedersi, ma a Torino lo sanno benissimo.

Ha detto bene Cristiano Ronaldo, non si è vinto nulla, ed è vero, perchè essere tra le prime otto d'Europa è fonte di soddisfazione ma non di vittoria, perchè con una grande rimonta, storica per carità non vinci nulla. Ora viene il bello, almeno altre due partite importanti, che potranno vedere la Juventus contro una sorpresa come Porto o Ajax, contro una rivale conosciuta come Tottenham e Manchester United, oppure contro una delle tre favorite insieme ai bianconeri, Liverpool, City e Barcellona.

Insomma, per la Juventus le prossime due sfide saranno importanti per capire realmente le proprie ambizioni, avendo già poi il calendario con gli accoppiamenti definiti fino alla finale.

LEZIONE DI MADRID - La lezione di Madrid, si spera possa essere servita, per vincere e qualificarsi bisogna sempre fare delle gare perfette, non basta sedersi un attimo, non ci si può distrarre. La certezza è che nei quarti non troveremo squadre con la forza difensiva dell'Atletico, perchè i Colchoneros, forse proprio insieme alla Juve, sono la migliore squadra a livello difensivo. Dalla parte opposta, tuttavia, ci sarà da sudare in attacco e troveremo attaccanti molto più pericolosi, anche se Griezmann e Morata sono due bomber di primo piano.

Insomma, l'invito è a non fermarsi qui, adesso viene il bello ed oggi scopriremo chi saranno gli avversari della Juventus.

segui Massimo Pavan su twitter per essere sempre aggiornato su tuttojuve e su quanto accade nel mondo Juventus