POGBA ASSIST DI RAIOLA. RITORNO AD UNA CONDIZIONE

31.03.2021 13:30 di Quintiliano Giampietro   Vedi letture
POGBA ASSIST DI RAIOLA. RITORNO AD UNA CONDIZIONE
TuttoJuve.com
© foto di PhotoViews

La premessa è doverosa: per riportare Pogba alla Continassa è necessario sacrificare un pezzo pregiato. Senza se e senza ma. L'indiziato numero uno è Dybala, tra i pochi bianconeri che ha mercato, vicino al Manchester United già due anni nell'ottica di uno scambio con Lukaku, poi approdato alla corte di Conte. La prossima estate probabilmente assisteremo ad un film simile, con il francese protagonista al posto del belga, ma questa volta il finale potrebbe essere diverso. Intanto Raiola lancia l'assist. Il procuratore del giocatore, come spesso accade, mette in vetrina il suo gioiello: “Anche mio nipote di 5 anni troverebbe a Paul un club di alto livello”. Tradotto, chi è interessato può bussare alla porta del super procuratore. Salvo ribaltoni, a fine stagione il Polpo lascerà i Red Devils, pronti a cederlo per non perderlo a parametro zero tra un anno, come avvenne nel 2012 quando sbarcò a Torino. Peraltro, i rapporti tra il centrocampista e il tecnico Solskjaer non sono mai stati idilliaci, elemento ulteriore per pensare al divorzio a fine stagione. .  

I siti specializzati indicano il valore di Pogba intorno ai 60 milioni, in sostanza il costo del cartellino di Dybala. Facile pensare allo scambio di lusso. L'argentino tarda a prolungare il contratto con la Juve e nel caso rimanesse Ronaldo, potrebbe essere il sacrificato a prescindere dagli obiettivi di mercato di paratici. Lo United offrirebbe al numero 10 un ingaggio sicuramente superiore ai 12 milioni (attualmente ne guadagna 7,5). Il Polpo invece ne percepisce  oltre 17 l'anno, cifra esosa, ma il Decreto Crescita permetterebbe a Madama di attenuare il costo. Insomma, sotto il profilo economico, alla fine la strada per chiudere l'affare sarebbe meno tortuosa di quanto si possa pensare. Occhio però alla concorrenza di Psg e Real Madrid, soprattutto degli spagnoli se resterà Zidane, da sempre innamorato del suo connazionale.

Fin qui siamo nel campo delle ipotesi, la certezza invece è l'amore di Pogba per la Juventus, il club grazie al quale è cresciuto, fino a consacrarsi a livello internazionale. A Torino il campione del mondo transalpino ha ancora diversi amici e spesso ne sono testimonianza i post sul suo canale Instagram. Basterebbe ricordare quando partecipo' alla festa d'addio di Barzagli nel 2019, la condivisione di una foto fu sufficiente per alimentare i sogni dei tanti tifosi nostalgici del Polpo. Con la maglia della Juve, nel quadriennio dal 2012 al 2016, Pogba ha conquistato 4 scudetti, 2 Coppe Italia e 3 Supercoppe italiane. Alla Continassa il 28enne centrocampista francese ritroverebbe l'affetto che forse gli è mancato in Inghilterra. E Pirlo, tra i suoi sponsor in passato e direttore d'orchestra di quel centrocampo stellare che nella stagione 2014/2015 guidò Madama alla finale di Champions League.