LIVE SAINT VINCENT - MAROTTA A SKY: "Non faremo colpi utopitstici ma da qui al 31 agosto saremo vigili. Jovetic ci piace"

17.07.2012 20:25 di Alessandro Vignati   vedi letture
LIVE SAINT VINCENT - MAROTTA A SKY: "Non faremo colpi utopitstici ma da qui al 31 agosto saremo vigili. Jovetic ci piace"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport 24 il direttore generale della Juventus Beppe Marotta, a margine della prima sgambata stagionale della Juventus contro i dilettanti dell'Aygreville, ha parlato di alcune questioni relative al mercato: "Sulla partita siamo soddisfatti, ci sono state buone risposte da parte di tutti, poi il fatto che abbiano giocato tanti giovani è motivo di grande orgoglio per noi, sui nuovi dico che Asamoah a medio termine può divenire un grandissimo giocatore, abbiamo centrato velocemente alcuni obiettivi importanti che hanno portatoa un esoborso di un certo tipo. Abbiamo messo a disposizione di Conte un organico di ottima fattura che risponde alle esigenze e richieste. Il mercato finisce il 31 agosto, siamo vigili e abbiamo confronti continui, certo non puntiamo ad acquisti utopistici, puntiamo a sopperire ad alcune mancanze con il lavoro di tutta la società. Il termine top-player viene spesso abusato, certamente i nomi che si fanno sui giornali sono di assoluta qualità però nel lessico calcistico condivido appieno quel che ieri ha detto Conte, ovvero che il top-player è un elemento di valore al quale non necessariamente corrisponde anche la questione economica. Alla Juventus ci sono i Chiellini, i Pirlo, i Vidal e i Buffon per far alcuni nomi che corrispondono a questa descrizione. Partendo da chi c'è Ziegler è in ritiro, è reduce da una buona annata al Fenerbahce e ora spetta a Conte valutare in ritiro se può o meno rientrare nel progetto. Van Persie? Non entro nel merito di una questione come quella che ho sentito non essendo l'olandese un giocatore di nostra proprietà.

Jovetic? Indubbiamente ci piace e risponde pienamente al profilo del giocatore che cerchiamo, sicuramente rientra nei parametri dei nostri obiettivi. Di più però non posso dire, è un tesserato della Fiorentina e non voglio mancar di rispetto al club viola, dire che siamo in una fase conclusiva ce ne passa. Questo è un mercato a livello italiano pieno d'austerità, basta vedere il caso Ibrahimovic e il processo d'inversione che è avvenuto dato che prima eravamo noi a comprare i big. Fa male ma può essere il modello giusto per tornare a vincere. E' corretto che giovani rampanti e interessanti come Destro e Verratti siano sulle prime pagine dei giornali ma bisogna andare cauti su tutti gli aspetti quando si parla di questi ragazzi perchè rischiamo in modo molto azzardato di caricarli di responsabilità, e ve lo dice un fautore ed estimatore del Made in Italy. Hanno esperienze minime e poi vanno valutati per certi contesti dato che a livello maggiore e internazionale non si sono ancora espressi".