ESCLUSIVA TJ - Nanni, l'ex preparatore di Szczesny: "Buona partita a Roma, il rigore l'aveva preso. Alla Juve è cresciuto in sicurezza e consapevolezza. Futuro? Via solo per una grande offerta"

28.09.2020 13:30 di Mirko Di Natale Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
ESCLUSIVA TJ - Nanni, l'ex preparatore di Szczesny: "Buona partita a Roma, il rigore l'aveva preso. Alla Juve è cresciuto in sicurezza e consapevolezza. Futuro? Via solo per una grande offerta"

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex preparatore che ha conosciuto Wojciech Szczesny nella sua esperienza a Roma, Guido Nanni, per parlare del portierone bianconero e non solo:

A Roma, nello stadio in cui lo ha visto protagonista per la prima volta in Italia, come si è comportato Szczesny?

"Nel complesso molto bene, Tek mi è piaciuto. Sul rigore è stato sfortunato, il terreno scivoloso ha reso difficile la presa e diciamo che l'aveva quasi presa. Sul secondo gol di Veretout non poteva far niente, la ripartenza dei padroni di casa è stata troppo letale. Ho visto una bella giocata su Mkhitaryan, è stato bravissimo a chiudergli lo specchio della porta. Credo che se avesse preso gol in quella circostanza, la partita della Juve sarebbe cambiata".

Tra l'altro Szczesny aveva già iniziato molto bene il suo campionato concludendo con la porta inviolata la sfida con la Samp.

"Sicuramente sì, ma in generale con la Juve si sta comportando molto bene. Difficilmente Tek sbaglia una partita intera, gli può capitare quell'occasione in cui possono sbagliare tuti i portieri. E' regolarissimo, continuo ed estremamente affidabile nelle sue prestazioni".

Quanto è cresciuto da quando lo hai conosciuto nella Roma?

"E' cresciuto molto sotto l'aspetto della sicurezza e della consapevolezza, perché alla fine il modo di parare era lo stesso che ho conosciuto a Roma. Giocando sempre ad alti livelli con la Juventus, è riuscito a maturare sotto quel punto di vista".

Quale è la più bella parata che gli hai visto realizzare da quando gioca in Italia?

"Fu la parata pazzesca che fece in Champions League a fine 2015 contro il Bate Borisov, a noi bastava il pareggio in casa per passare il turno e alla fine del primo tempo il suo miracolo ci ha tenuti in corsa. E parlarne ancor oggi è clamoroso, quell'intervento è stato spettacolare. Quella stilisticamente più bella, invece, l'ha fatta contro la Juventus sul colpo di testa di Bonucci, il suo balzo felino ha impedito ai bianconeri di pareggiare quel match".

Infine, una curiosità: si accosta spesso il nome di Donnarumma alla Juventus. A Szczesny converrebbe andar via dai bianconeri?

"Se dovessi andar via dalla Juventus, per rimanere sullo stesso livello devi andare in Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco, Manchester United. Non penso che possa lasciare il club, a meno che non arrivi un'offerta clamorosa. Io lo vedo ancora bene a difendere quei pali per lungo tempo".

Si ringrazia Guido Nanni per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.