ESCLUSIVA TJ - Andrea Agostinelli: "La Juve può crescere ma gli manca qualcosa a centrocampo. Pirlo? Deve avere la piena fiducia da parte della società"

30.10.2020 17:45 di Alessandro Santarelli   Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Andrea Agostinelli: "La Juve può crescere ma gli manca qualcosa a centrocampo. Pirlo? Deve avere la piena fiducia da parte della società"

Il delicato momento della Juventus, la sconfitta con il Barcellona, e le prime difficoltà in campionato. Argomenti che abbiamo affrontato con Andrea Agostinelli, una lunga carriera da calciatore e allenatore, e da qualche giorno nuovo responsabile dell’area tecnica del Livorno calcio

Mister, che succede alla Juve?

“ Onestamente a vederla giocare in questo momento, la sensazione è che i problemi non siano pochi. Esiste una difficoltà di manovra e quindi di creare occasioni da gol, ma soprattutto mi pare che manchi equilibrio. Mi spiego. Noi abbiamo da sempre l’idea di una Juventus impenetrabile, dove anche nelle partire meno belle, se faceva gol difficilmente la recuperavi. Oggi non è così. Non bisogna sempre pensare a Bonucci Chiellini e Barzagli, perché poi il tempo passa, però è anche vero che non si riesce ad abbinare bene qualità e quantità a centrocampo e per me il problema è proprio in quel reparto.

Problema di uomini o di reparto?

“ Ci sono ottimi giocatori ma che secondo me non vanno mai oltre la sufficienza, fanno il compitino. Chi fa i gol a centrocampo? Al momento o segna  Morata o  Ronaldo. E Poi?  La Juve deve avere uomini in mezzo che sappiano trovare la via della porta, come poteva essere Emre Can, oppure Khedira, per non andare ancora più indietro con Vidal. Cosa vuol dire questo? Vuol dire avere qualità , quella qualità che la Juventus deve avere”  

Mister, è certamente presto per tracciare un bilancio, ma il progetto Pirlo come è iniziato?

“ Il progetto è interessante e io ci credo se la società tiene duro e tiene botta. Ha ragione Andrea quando afferma che ha una squadra giovane che deve maturare, ma purtoppo o per fortuna, alla Juve il tempo non c’è, l’obiettivo finale è sempre quello di vincere. Mi ripeto, se avrà il supporto della società può venire fuori qualcosa di davvero interessante però il problema è che il tempo per far crescere i giovani è limitato, occorrono i risultati . Il prodotto deve essere pronto o quasi pronto. Andrea con la testa è già un ottimo allenatore, ma poi a parlare è sempre il campo. Serve la totale e piena fiducia della società”

La costruzione della squadra ti ha convinto?

“ E’ stata costruita bene. Forse però devo dire che un centrocampista con maggior personalità andava preso. Ma attenzione, parlo solo di un elemento perché in attacco ci sono giocatori fortissimi, in difesa adesso rientrerà De Ligt dunque non mi pare manchi niente. Lo ripeto, avrei aggiunto nel mezzo un rinforzo. Mi permetto di dire però che Bentancur può e deve crescere tanto. Un giocatore, l’uruguaiano, che a me piace moltissimo”   

Credi che la Juventus sia ancora la favorita per lo scudetto?

“ In questo momento la forbice si è azzerata: attenzione non dico la che Juve non possa vincere lo scudetto, dico solo che rispetto agli altri anni, ed è pure un fatto normale, il famoso gap si è annullato. Ad oggi ci sono almeno un paio di squadre alla pari. Ne consegue che verrà fuori un campionato equilibrato e tirato fino alla fine”

Andrea Agostinelli
Andrea Agostinelli