CRISTIANO, INFASTIDITO, NAZIONALE COMPLICATA

23.03.2019 18:30 di Massimo Pavan Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
CRISTIANO, INFASTIDITO, NAZIONALE COMPLICATA

Cristiano Ronaldo ha scoperto ieri che in nazionale è più dura. A Torino c’e sicuramente un attacco più forte, tra Dybala, Mandzukic , Bernardeschi, Douglas Costa, senza parlare di Cuadrado, un insieme che aiuta molto di più l’attacco rispetto a quello del Portogallo. Ieri contro l’Ucraina il campione di Madeira ci ha provato ma non è stato efficace come nelle ultime uscite zebrate, in particolare contro l’Atletico ma anche niente da paragonare rispetto a quello che aveva reso in serie A. I tifosi portoghesi si aspettavano, forse, qualcosa in più, memori del mondiale e delle partite con la nazionale di nove mesi fa, ma non è mai facile ripetersi. 

Di sicuro, Ronaldo, non si è risparmiato, ma non è riuscito a sfondare il muro della formazione Ucraina. Tra qualche giorno la seconda partita e la possibilità di rifarsi, ma un segnale sembra chiaro, in bianconero tutto sembra più semplice, del resto contro l’Atletico la Juventus ha dato un segnale, ha dimostrato di essere una delle formazioni più forti d’Europa, un segnale che Cr7 spera di ripetere quanto prima. Ieri sera era molto infastidito, sperava di segnare e di dare una gioia al suo paese, sarà per la prossima, del resto la sua forza di volontà non è pari a nessuno. In patria raccontano che era infastidito, ma il riscatto arriverà, magari a partire dalla prossima partita. 

segui Massimo Pavan su twitter per essere sempre aggiornato su tuttojuve e su quanto accade nel mondo Juventus