LETTERA DELLA TIFOSA Adele: "Il razzismo"

07.09.2019 20:20 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
LETTERA DELLA TIFOSA Adele: "Il razzismo"

In Italia c'è razzismo? Chi lo nega è cieco e sordo per scelta. Il razzismo c'è eccome! Come dimenticare le cronache estive degli insulti ai ragazzi e ragazze di colore adottati da famiglie italiane e il grido di dolore delle mamme! E al clima d'odio che si è diffuso negli ultimi tempi a causa della malagestione dell'immigrazione e delle polemiche ad alzo zero al grido "prima gli italiani".

Non dico questo per fare politica, registro soltanto il progressivo imbarbarimento delle relazioni umane che non riusciamo a sovvertire.

E così dopo che abbiamo assistito alla scandalosa commemorazione del noto Diabolik laziale avvenuta in due stadi di calcio senza che prefetti e ministri le impedissero, a Cagliari si è riproposto il problema delle urla belluine contro un calciatore di colore. Nel sostanziale disinteresse, l'anno scorso era toccato a Kean e a Matuidi della Juventus, adesso è toccato a Lukaku dell'Inter.

Prima del prossimo caso e per impedire che anch'esso finisca in gloria, vorrei fare una proposta: Figc e Lega decidano che in caso di ululati si sospenda la partita fino a quando i responsabili sulle spalti non siano usciti dallo stadio e poi si riprenda a giocare. Naturalmente chi esce deve essere identificato e prendersi un Daspo di due anni. E ogniqualvolta il fatto si ripeta nello stesso stadio, oltre all'allontanamento dei "tifosi" si applichi alla società una multa pari a un quinto dell'incasso che sarà devoluto a un fondo speciale per le società di serie C.

Non servirebbe alcun intervento del giudice sportivo e l'arbitro in campo avrebbe l'obbligo di fermare il gioco e non lasciare correre come di solito accade.

Un abbraccio a tutti dalla tifosa 

Adele