QUI PARMA - D'Aversa: "Juve forte, ma nulla è impossibile. Gervinho e Grassi out. Ora Kulusevski verrà considerato come giocatore importante, ma non deve strafare"

18.01.2020 15:15 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Massimiliano Vitez/Image Sport
QUI PARMA - D'Aversa: "Juve forte, ma nulla è impossibile. Gervinho e Grassi out. Ora Kulusevski verrà considerato come giocatore importante, ma non deve strafare"

Roberto D'Aversa, tecnico del Parma, presenta la sfida con la Juventus in conferenza stampa. Ecco quanto evidenziato da Parmalive.com: "Si era lavorato per cercare di riavere Gervinho a disposizione ma persiste un problema e non sarà della gara così come Grassi che era uscito malconcio dalla partita col Lecce".

Qualcuno con la Roma ha riposato:
"Contro il Lecce abbiamo giocato lunedì sera, nell'arco delle tre partite ci sono sei giorni. Per la partita di giovedì è scesa in campo la miglior formazione post partita di lunedì sera. Durante la settimana prima di Lecce sia Iacoponi che Bruno hanno stretto i denti, se si è fatto fatica a farli giocare lunedì era impensabile farli giocare anche giovedì. Grassi e Gervinho non erano disponibili, è un mese che mi chiedete di Scozzarella e poi c'erano anche Kucka e Kurtic. La rosa è corta, davanti hanno giocato Inglese e Cornelius e l'unica scelta che ho fatto è Siligardi per Kulusevski. Siligardi è stato tra i migliori e poi ho messo Colombi ma non si è perso per colpa sua. Quando abbiamo vinto con la Roma si era detto che loro erano stanchi e si è sminuito la prestazione dei nostri. Chi è sceso in campo era il Parma Calcio".

Cambierà qualcosa?
"Il sistema di gioco dipende da chi va in campo. Darmian deve fare un'infiltrazione per allenarsi".

Kulusevski come si è preparato?
"Dejan viene visto in maniera diversa in questo momento. Prima era il ragazzo che veniva dalla Primavera, ora deve essere ancora più bravo. La Juve ha fatto un investimento importante e ora verrà giudicato come un giocatore importante che il prossimo anno giocherà in una big. Il mio consiglio è di dove va in campo per strafare può avere difficoltà, deve andare in campo e giocare in maniera serena e divertirsi. Deve fare ciò che sa fare con le sue armi, in maniera serena per l'età che ha".

Quanto è difficile preparare tre partite in una settimana?
"Circa quaranta giorni fa abbiamo avuto una riunione in società per le problematiche numeriche. La volontà è quella di vincere e passare il turno ma quello che uno fa lo fa per i giocatori a disposizione. Le difficoltà ci sono, a centrocampo non ci sono Grassi e Barillà, nonostante venga, le difficoltà puoi averle. Mancando Gervinho e Karamoh, qualche difficoltà in attacco possiamo averla. Nel momento in cui ci sono problematiche portano conseguenze".

Cosa serve sul mercato?
"Siligardi lo sto considerando. La società sa cosa serve, avere più possibilità può evitare qualche infortunio. Kurtic è stato importante, ora non bisogna pensare né al mercato né alla Roma, ma alla partita di domani. La Juve è diversa dalla squadra del girone d'andata, mi auguro di indovinare la formazione e di portare a casa il risultato".

La ricaduta di Gervinho?
"Si era prefissato un minutaggio per evitare ricadute. Durante la settimana ha sentito un riacutizzarsi del problema sul flessore".

Che Juve si aspetta?
"Indipendentemente dal sistema di gioco, dove alternano un attaccante e un centrocampista, nel girone d'andata giocavano col 4-3-3, quasi un 4-4-2. Sono cambiati sotto l'aspetto fisico e nell'interpretazione della gara, con un possesso non fine a sé stesso e sono bravi negli spazi stretti. Non è una partita semplice, bisogna essere bravi quando si recupera palla. Siamo consapevoli che affrontiamo una squadra forte che sta bene, ma di impossibile non c'è nulla. Come siamo stati bravi l'anno scorso, dobbiamo provare a fare la partita perfetta perché difficilmente usciremo con punti altrimenti".

Che partita sarà?
"La Juventus ha giocato mercoledì e noi giovedì ma nessuno ci fa caso qui a Parma. Anche la Juve in Coppa ha messo in campo atleti che hanno giocato meno. Troveremo una squadra che dal punto di vista fisico e mentale sta vivendo un ottimo momento, dipenderà molto da come interpreteremo la gara".

Come si accompagna la squadra a questa gara?
"Bisogna trovare energie che la partita ti porta ad avere. Andiamo a giocare in un campo con lo stadio esaurito, c'è poco da dire ai ragazzi per prepararli. E' il sogno di ogni giocatore e avere la volontà di dimostrare di non essere inferiori. Ho un gruppo di ragazzi orgogliosi di dimostrare il loro valore".

Inglese e Cornelius, sono cambi preventivati?
"Che parta uno o l'altro difficilmente farebbero novanta minuti. Sotto l'aspetto fisico è più avanti Inglese, vedremo domani".

Cornelius ha un record importante per gol e minuti giocati:
"E' merito del ragazzo che si fa trovare pronto quando chiamato in causa".