QUI CAGLIARI - L'ex bianconero Ariaudo: "Gol dedicato ad Ale e Ricky. Juve? Le motivazioni ci sono, ci proveremo"

03.05.2012 10:30 di Redazione TuttoJuve  articolo letto 9547 volte
© foto di Federico De Luca
QUI CAGLIARI - L'ex bianconero Ariaudo: "Gol dedicato ad Ale e Ricky. Juve? Le motivazioni ci sono, ci proveremo"

Domenica prossima la Juventus si troverà di fronte Lorenzo Ariaudo, ex colonna della Primavera bianconera e autore ieri della rete del momentaneo pareggio del Cagliari contro il Genoa. Ecco le sue parole, riportate da "L'Unione Sarda":
"Lo considero il mio primo gol - spiega il difensore, che aveva già segnato con la maglia dell'Under 21 -. Era già capitato altre volte quest’anno che rischiassi di farlo e non ero mai riuscito a buttarla dentro. Ma stavolta non ho dovuto mirare, solo mettere la testa. Il gol è per Alessio e Riccardo, i miei compagni di squadra nelle giovanili della Juve morti a Vinovo. E poi per la mia famiglia, per la mia ragazza Nicole e per altri due grandi amici dei quali non occorre che faccia il nome". "Siamo molto contenti, l’obiettivo è stato raggiunto, e non era facile - prosegue Ariaudo -. Squadre che non ci saremmo mai aspettati sono lì a lottare. Certo, dispiace per la sconfitta. Personalmente un po’ di timore l’avevo. Ma siamo un gruppo forte e non avremmo meritato di andare giù. Abbiamo lottato contro tutto e raggiunto l’obiettivo. Il pari del Lecce? È stata una sorpresa, ma siamo contenti perché è un pareggio che ci dà la salvezza, l’importante per noi era che il Lecce non vincesse. La Juve? Le motivazioni ci sono, vedremo domenica. Noi ci proviamo, giochiamo come sempre, così come abbiamo provato a battere il Genoa. Sappiamo quale sia la forza della Juve, ci vorrà ancora più attenzione. Confermato al posto di Agostini (squalificato, ndr)? Vediamo, perché intanto ho preso una botta al polpaccio nel primo tempo, mi fa male, spero passi", conclude Ariaudo