Moby Dick - Juventus, vincere per allontanare le Sirene. È il destino dei più forti 

Corrispondente Daily Mail, autore di 9 libri. Autore e conduttore programma #Alvolante per AntennaSud. Vincitore Overtime Festival della Comunicazione del giornalismo e del premio Campione Odg Puglia
18.09.2019 02:04 di Alvise Cagnazzo Twitter:    Vedi letture
Moby Dick - Juventus, vincere per allontanare le Sirene. È il destino dei più forti 

Il debutto peggiore, nello stadio più inviolato d’Europa, al cospetto di Simeone e del suo “catenaccio” sudamericano, fatto di tacchetti e tackle. La Juventus si appresta a lanciare l’assalto alla Champions League 2019/2020 partendo dallo stadio Wanda Metropolitano. L’Atletico Madrid è una squadra ostica e ben organizzata, la Juventus è una gioia macchina da guerra che ha come obiettivo quello di divertirsi vincendo.

La filosofia di Sarri è la migliore ricetta possibile per una squadra pressoché identica a quella della passata stagione, fatta eccezione per gli acquisti, importanti, di De Ligt, Ramsey e Rabiot, senza dimenticare il ritorno di Higuain. La forza della Juventus è nella ricchezza dell’organico oltre che nel recupero dei giocatori depressi dalla cura Allegri, come ad esempio Douglas Costa. 

L’infortunio, non grave del brasiliano, spalancherà le porte della titolarità ad uno fra Bernardeschi, Cuadrado e Dybala. La voglia di vincere al debutto, questo Sarri lo sa bene, servirebbe per zittire le Sirene ammaliatrici capaci di trasformare modeste imbarcazioni in lussuosi yacht. La scelta di perseguire nel 4-3-3 dimostra l’assoluta volontà di replicare il “Sarriball” anche a Torino. Il flipper è quasi pronto, il sarrismo sta per giungere a compimento.

Madrid può essere una tappa cruciale per l’avvento definitivo di un nuovo modello calcistico applicato alla storia, storicamente austera, della Juventus. Vincere divertendosi può essere il segreto per allenare la mente contro l’ansia. Forse proprio quello che manca per tornare sul tetto d’Europa...