LA LANTERNA VERDE - VENNE ANGEL (DI MARIA) AD INSEGNARE CALCIO E ADRIEN (RABIOT) NE BENEFICIO’…

06.10.2022 00:05 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    vedi letture
LA LANTERNA VERDE - VENNE ANGEL (DI MARIA) AD INSEGNARE CALCIO E ADRIEN (RABIOT) NE BENEFICIO’…

Ci sono giocatori speciali. A differenza di tutti gli altri mestieranti del pallone, questi essere divini fanno e pensano cose fuori dall’ordinario. Vengono definiti fuoriclasse o, in epoca moderna, top player. La Juventus ne ha uno. Un po’ attempato ma estremamente fatato. Si chiama Angel di Maria. Contro il Maccabi Haifa, l’ex PSG ha ricordato a tutti perché è sempre stato considerato un fenomeno. Chi ha dubitato del Fideo ora si sarà ricreduto. I tre assist confezionati durante la sfida contro i volenterosi israeliani sono da cineteca. tre cioccolatini buonissimi e raffinatissimi che pochi al mondo sanno preparare con tanta maestria.
Dopo aver assistito, all’Allianz Stadium, alla disfatta contro il Benfica, ero timoroso. Scelto la partita giusta per tornare? La risposta me l’ha fornita il Fideo: sì, sono tornato alla partita giusta(anche se il gol di David mi ha messo un po’ di tensione). Finalmente una Juventus convinta. La presenza di Di Maria rende tutto estremamente più semplice. Lui vede corridoi che altri non pensano siano reali, lui inventa calcio. L’ha capito Vlahovic che si è mangiato due gol ma sa che, con il Fideo nei paraggi, le sue partite diventano molto più divertenti e le occasioni fioccano. 
Di Maria mi ha estasiato ma, signori, impressionato da Rabiot. Mai stato un suo fan, anzi… Invece devo ammettere che il francese ha giocato una partita gagliarda, lottando come un leone e segnando due gol speciali (l’ha aperta e la chiusa lui). Personalità e determinazione, una prova maestosa (forse la migliore che abbia mai visto da quando è alla Juventus).
Forse Allegri ha trovato le soluzioni agli oscuri malannibianconeri o, semplicemente, quando hai a disposizione i giocatori migliori, tutto riesce più facilmente. Vincere con il Maccabi era obbligatorio ma non era affatto scontato. La Juventus ha vinto e convinto. Anche il pubblico (almeno quelli che sono venuti) ha apprezzato, certificando che con questo approccio la squadra verrà sempre sostenuta. Anche sul 2-1, i tifosi c’erano e si sono fatti sentire…
Ora arriva il difficile. Sabato c’è il Milan, squadra di tutt’altro lignaggio. Dopo aver regolato Bologna e Maccabi, sarebbe davvero importante tornare da San Siro con una vittoria. Potrebbe davvero sbloccare definitivamente la squadra. Non sarà facile, anche perché il divin Angel non ci sarà (squalificato). Purtroppo, in questa Juventus ancora in cerca della propria identità, uno come il Fideo è imprescindibile. La speranza è che qualcun altro si faccia avanti… Magari ancora Rabiot…
Intanto me ne torno a casa contento di aver riassaporato l’atmosfera dell’Allianz Stadium al suo meglio. Vincere aiuta sempre, anzi è l’unica cosa che conta