IL SANTO DELLA DOMENICA - LA SOSTA BLOCCA LA RINCORSA DELLA JUVE. RAMSEY, COSI NON VA, E LA SOCIETA' SI FACCIA SENTIRE.

10.10.2021 00:30 di Alessandro Santarelli   vedi letture
IL SANTO DELLA DOMENICA -  LA SOSTA BLOCCA LA RINCORSA DELLA JUVE. RAMSEY, COSI NON VA, E LA SOCIETA' SI FACCIA SENTIRE.

L’ennesima sosta per le nazionali ( ammettiamolo, che brivido la finalina per il terzo e quarto posto della Nations League) ha costretto la Juve a fermarsi nel momento migliore di questa prima parte di stagione. La striscia era confortante, tre vittorie consecutive, quattro con la Champions, un assetto piano piano in via di definizione, e maggiori convinzioni individuali e di squadra. Ma sul più bello, ecco arrivare la Nations League, alla quale si sommano le qualificazioni per il mondiale più assurdo della storia del calcio ( inverno 2022 in Quatar ) e come per incanto la storia si interrompe. Chi Juve ritroveremo? Questo il grande interrogativo. Perché il “simpaticissimo” calendario ha previsto un rientro da brividi, questi si veri, per la vecchia Signora: Roma in casa e Inter in trasferta. Se si vuol rincorrere sarà già praticamente impossibile sbagliare. Ma l’errore più grosso ora sarebbe quello di star qui a metter giù tabelle o ruolini di marcia. Pedalare a testa bassa, non guardare la classifica e mettere punti in cascina, questo l’unico imperativo. Poi a novembre, quando vi sarà la prossima sosta ( pensavate di aver finito e invece no..) allora si potrà alzare la testa e capire a quanta distanza dalla vetta siamo arrivati.

In tutto questo tengono banco tre elementi de centrocampo, ognuno a modo suo e in maniera completamente diversa l’uno dall’altro. Cominciamo dalle note liete. Arthur si è applicato, ha lavorato durante i giorni di pausa, ha dimostrato di aver recuperato la forma e si candida a tornare in campo contro la Roma. Dal brasiliano, del quale Allegri si dice contento, ci si attende un piccolo step in avanti sia personale che di qualità per il reparto mediano. C’e’ poi croce e delizia Rabiot. Bene, anzi male, il francese si tira fuori suo malgrado, perché il primo “ regalino” arrivato dalla nazionali è la sua positività al Covid. Salterà la Roma ( naturalmente un grande in bocca al lupo per una pronta guarigione) con la speranza che possa tornare a disposizione contro l’Inter.

E passiamo al caso Ramsey. Ancora una volta il gallese dal ritiro della nazionale ha lanciato frecciate neppure troppo velate alla Juve. I dati sono clamorosi. Il giocatore ha più minuti con la sua nazionale rispetto a quelli con la maglia bianconera. Singolare poi il fatto che, seppur infortunato a Torino, risponde alla convocazione, gioca ( e segna pure) .Insomma stiamo arrivando alla commedia buffa, ma neppure tanto. I tifosi si sono espressi sui social, a Radio Bianconera, e il plebiscito di amarezza ( definiamolo cosi) è stato praticamente univoco. Sinceramente, con tutto il massimo rispetto per il giocatore, crediamo che la società debba farsi sentire. Intanto chiedendo spiegazioni rispetto alle sue dichiarazioni, successivamente prendendo una posizione netta. Magari qualche giornata da passare in meditazione ( chissà magari utili per ritrovare la forma) potrebbero rappresentare una soluzione gradita a tutti. La Juve merita rispetto. Da tutti, nessuno escluso.