ESCLUSIVA TJ - Silvino Bercellino: "CR7 ha 36 anni: avverte peso di giocare ogni tre giorni. Rigore? Non so se ai miei tempi lo avrebbero fischiato. Sul Porto..."

15.02.2021 13:30 di Luca Cavallero   Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Silvino Bercellino: "CR7 ha 36 anni: avverte peso di giocare ogni tre giorni. Rigore? Non so se ai miei tempi lo avrebbero fischiato. Sul Porto..."
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Riguardo al post Napoli-Juventus e all'imminente impegno in Champions League contro il Porto, la redazione di TuttoJuve.com ha intervistato in esclusiva Silvino Bercellino, ex calciatore bianconero (1963-1964 e 1965-1966).

Come commenta il match perso dalla Juve contro il Napoli?

"Un incidente di percorso. La Juve ha sprecato l'impossibile".

Alla fine è stato decisivo il rigore di Insigne, discusso da Pirlo nel post gara...

"Sono cambiati i regoalmenti e adesso c'è il Var. Non so, onestamente, se ai miei tempi lo avrebbero fischiato. Ma il calcio è ormai anche cambiato"

Il tecnico bianconero ha anche messo in evidenza, senza ricercare alibi, che il giocare ogni tre giorni potrebbe penalizzare i bianconeri sotto questo aspetto...

"Secondo me Pirlo ha ragione: tre giorni prima la Juventus aveva giocato una splendida partita contro l'Inter, spendendo tante energie".

I bianconeri hanno sprecato l'impossibile a Napoli: secondo lei a causa di un problema più mentale, tattico oppure semplice sfortuna?

"Sempre per il fatto che dicevo prima: la Juve gioca ogni tre giorni. E' normale che, a livello di lucidità, qualcosa finisci per perdere. Lo si è visto anche con Cristiano Ronaldo: ha 36 anni, non può più essere quello di una volta. Fa 36-40 gol l'anno, ma è normale che - giocando sempre - qualcosa finisca per perdere".

Quanto sono state determinanti, a suo parere, le assenze?

"Sicuramente molto. Per esempio ai bianconeri mancava Arthur, un giocatore che - tecnicamente - ti dà qualcosa in più a centrocampo rispetto agli altri".

La Juve è ancora la favorita numero uno per lo scudetto?

"Sicuramente lotterà, ma potrebbe anche perderlo. Forse potrebbe essere la stagione giusta per le due coppe: Coppa Italia e Champions!".

A proposito di Champions: quali sono le sue aspettative in vista del Porto?

"Non sarà facile. A questo punto della Champions tutte quante le squadre sono di livello internaizonale. Sicuramente è subito l'occasione per riscattare la sconfitta di Napoli".

Si ringrazia Silvino Bercellino per la cortesia e per la disponibilità dimostrate in occasione di questa intervista.