ESCLUSIVA TJ - Roberto Tancredi sul "suo" Chiellini: "Ecco cosa mi ha detto su Pirlo. Giorgio sta bene: ha ancora voglia di giocare". E aggiunge: "La Juve non sbaglierà di nuovo a San Siro. Sul mercato..."

01.02.2021 13:30 di Luca Cavallero   Vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Roberto Tancredi sul "suo" Chiellini: "Ecco cosa mi ha detto su Pirlo. Giorgio sta bene: ha ancora voglia di giocare". E aggiunge: "La Juve non sbaglierà di nuovo a San Siro. Sul mercato..."
TuttoJuve.com
© foto di Federico De Luca

Riguardo all'attualità in orbita Juventus, la redazione di TuttoJuve.com ha intervistato in esclusiva Roberto Tancredi, portiere bianconero tra il 1968 e il 1971.

L'ex estremo difensore toscano è stato tra i principali mentori di Giorgio Chiellini, che contribuì a svezzare calcisticamente, nelle vesti di dirigente del Livorno.

Secondo quale chiave di lettura leggi la vittoria della Juventus a Marassi?

"Mi è piaciuta la Juve: si sono iniziate a vedere buone cose. Piano, piano la Juve sta assimilando certe geometrie che Pirlo vuole".

Tra i migliori in campo figura nettamente Chiellini, che tu lanciasti giovanissimo al Livorno. Hai avuto modi di sentirlo? Come sta in questo momento?

"Sì, ogni tanto ci sentiamo. E' un ragazzo d'oro: mi ha regalato il suo libro, con dedica. Ha avuto tanti problemi fisici nell'ultimo periodo, ma ora sta meglio".

Avete parlato di Pirlo? Come si è calato Chiellini nel ruolo di capitano, con un suo ex compagno - con cui ha vinto praticamente tutto - alla guida della squadra?

"Sì, abbiamo anche parlato di questo. Giorgio lo segue al 100% ed è molto motivato, come è giusto che sia: Chiellini gioca e Pirlo è l'allenatore. Io inoltre penso anche che Pirlo faccia molto affidamento su Giorgio: hanno un ottimo rapporto".

Il capitano bianconero si è posto obiettivi sul lungo termine?

"Come ho detto prima, Giorgio sta bene: il suo obiettivo è continuare a giocare ancora. Ha ancora tanta fame e voglia".

Altro giocatore oltremondo longevo, nonchè suo "ex collega" è Gianluigi Buffon. Da conoscitore del ruolo: qual è il segreto di tanta longevità?

"Gigi sta bene. Si allena bene, con estrema professionalità, nutrendosi anche di grandi motivazioni. Poi il portiere non è un ruolo di movimento: se hai grandi motivazioni e prediligi la tenuta fisica, puoi andare avanti per lungo tempo".

Dalla porta all'attacco: dal tuo punto di vista ai bianconeri occorre un altro centravanti?

"No, mi sembra che Morata abbia tutte le carte in regola per giocarle tutte".

Che partita ti aspetti contro l'Inter?

"Una grandissima partita. Sicuramente diversa da quella di San Siro: la Juve non sbaglia due volte nello stesso modo".

A Livorno lanciasti anche un giovanissimo Max Allegri: lo vedi più possibile su una panchina italiana o estera?

"E' un ragazzo verace, spontaneo, sincero e molto educato: gli auguro il meglio. Lo vedo all'estero. Anche perchè così almeno non lo deve affrontare la Juve!".

Si ringrazia Roberto Tancredi per la cortesia e per la disponibilità dimostrate in occasione di questa intervista.