ESCLUSIVA TJ - Kepa Conde (Diario AS): "Morata non è indispensabile per la Spagna, vi spiego il rapporto coi tifosi. Nella Juve meglio con un'altra punta, gli auguro 15 gol e 10 assist"

07.09.2021 13:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Kepa Conde (Diario AS): "Morata non è indispensabile per la Spagna, vi spiego il rapporto coi tifosi. Nella Juve meglio con un'altra punta, gli auguro 15 gol e 10 assist"
TuttoJuve.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, il collega di Diario AS, Kepa Conde, per avere il suo punto di vista sulla recente prestazione di Álvaro Morata in nazionale e non solo:

Morata non ha giocato contro la Georgia, ma contro la Svezia non è riuscito ad incidere molto. Come è giudicato per le sue prestazioni in nazionale?

"Álvaro Morata non è un calciatore fondamentale nella squadra spagnola come lo era, ad esempio David Villa qualche anno fa. In una squadra il tuo attaccante deve essere un pilastro indispensabile e quando Álvaro non gioca, non dà la sensazione che manchi l'uomo gol".

Il suo rapporto con i tifosi non sembra esser particolarmente felice, perché sta succedendo accadendo questo? 

"Credo ci sia un mix tra prestazioni e relazione con due tifoserie (Real Madrid e Atlético) molto importanti che sostengono la nazionale. Álvaro non ha mai finito di esplodere del tutto in Spagna e ha lasciato i due club senza mai esser troppo entrato nei loro cuori. È per questo che c'è diffidenza".

Anche se non ha ancora compiuto 30 anni, è troppo tardi per vedere domani un Morata differente da quello di oggi? La Spagna crede in lui?

"30 anni è un'età in cui puoi ancora dire qualcosa nella tua carriera, ma dipende da lui. Ha bisogno di continuità nel suo club e fiducia nelle sue doti da calciatore. Forse è a livello mentale che dovrà fare il definitivo salto di qualità".

Come lo vedi alla Juve? Meglio giocare da prima punta o meglio stare dietro a Cristiano?

"Penso sia importante che giochi vicino alla punta, anche perché Álvaro è un calciatore intelligente quando si tratta di sfruttare le respinte ed è sempre insidioso vicino la porta avversaria. Lo vedo sempre meglio con accanto un altro attaccante. E si toglie la pressione di essere l'unico riferimento offensivo della squadra".

Quanti gol riuscirà a segnare quest'anno?

"La mia scommessa è 15 goal. E spero che faccia anche 10 assist".

Si ringrazia Kepa Conde per la cortesia e la disponibilità dimostrata in occasione di questa intervista.