ESCLUSIVA TJ - Amauri: "Juve al top con due o tre acquisti, Locatelli non subirà il fascino negativo della Vecchia Signora. Allegri riaprirà il ciclo di successi. Su Icardi e Buffon..."

24.06.2021 11:30 di Mirko Di Natale Twitter:    vedi letture
ESCLUSIVA TJ - Amauri: "Juve al top con due o tre acquisti, Locatelli non subirà il fascino negativo della Vecchia Signora. Allegri riaprirà il ciclo di successi. Su Icardi e Buffon..."
TuttoJuve.com
© foto di Alberto Fornasari

La redazione di TuttoJuve.com ha contattato telefonicamente, in esclusiva, l'ex attaccante bianconero, Amauri Carvalho de Oliveira, meglio conosciuto come Amauri, per parlare approfonditamente di Juventus e non solo:

Ieri c'è stato l'incontro tra Juventus e Sassuolo per Manuel Locatelli, le sensazioni che filtrano sono positive per la conclusione dell'affare. E' il giocatore giusto per la Juve?

"Per me sì, è un giocatore dal futuro brillante. La Juve è il posto perfetto per poter coltivare al meglio il suo talento e farlo crescere ancora di più. Ho avuto modo di osservarlo nell'Italia, si è messo in evidenza con delle buone prestazioni e due bei gol. Con tutto il rispetto per il Sassuolo, ma in questo momento merita un palcoscenico più importante come quello bianconero".

Nel momento in cui approdi alla Juve, un club di un'altra dimensione rispetto al Sassuolo, non c'è il timore che Locatelli possa far male?

"Sicuramente non è facile giocare in un top club come questo, però Bonucci e Chiellini che lo conoscono gli trasmetteranno il dna Juve. Locatelli è reduce da un ottimo campionato e in questo momento sta giocando contro i migliori d'Europa, tutto gioca a suo favore. E' già un giocatore importante, per cui non subirà in negativo il fascino della Vecchia Signora".

E Allegri sembra essersi speso per questo ragazzo. A proposito, come giudichi il ritorno del tecnico toscano?

"Sono molto contento del suo ritorno, è un allenatore che mi è sempre piaciuto fin dal momento in cui ha sostituito Conte ed è riuscito a garantire la stessa mentalità vincente alla squadra. La stessa che la Juve proverà a ritrovare per riuscire ad iniziare un nuovo ciclo di successi".

Sappiamo che dalle parti di Torino si ambisce sempre alla Champions, potrebbe essere l'anno giusto?

"Pur avendo un anno in più, la rosa è di assoluto valore. Allegri è già arrivato ad un passo ad alzarla, quindi conosce tutte le varie sfaccettature che la Champions è in grado di offrire. E' importante aver ritrovato chi conosce bene l'ambiente, per me è uno stimolo in più".

Come si costruirà l'attacco della Juventus? Che cosa ne pensi?

"Quel che sappiamo per certo è che Morata resterà ancora un altro anno, per Ronaldo invece la situazione è ancora tutto un mistero. Da amante del calcio lo vorrei vedere sempre alla Juve, magari acquistando un altro giocatore visto che i bianconeri possiedono solo tre attaccanti di ruolo in rosa. Ma non vorrei essere un dirigente sportivo in questo momento, a parte City e Psg le altre non sembrano avere una grande liquidità. E non sembrano esserci dei grandi giocatori forti. Sono sicuro, però, che la Juve saprà fare ugualmente un grande mercato".

Si parla di Icardi, Vlahovic, Gabriel Jesus, questi sono i nomi accostati alla Juve in questo momento.

"Icardi non mi fa impazzire, è reduce da una stagione in cui non è riuscito a segnare a grappoli al Psg. Gabriel, invece, non lo vedo in uscita dal City, se dovesse andar via per 60/70 significa che poi devi vincer la Champions per forza. Vlahovic è forte, ma anche lui non costa poco. Per me il vero acquisto in attacco della Juve sarà Dybala, è ancora giovane e può giovare del ritorno di Allegri".

Quindi è meglio tenere Dybala e cercare di acquistare una quarta punta?

"Sì, per me sarebbe la soluzione giusta. Ci potrebbe essere Milik, ma a questo punto sceglierei Kean che è anche più giovane e conosce bene la Juve. A parte che la Juve per essere ancora più competitiva non deve fare chissà che, a mio parere bastano due o tre acquisti fatti bene. In casa ci sono già i grandi giocatori, il più forte di tutti è Chiesa. Era da tanto che non vedevo un giocatore italiano con queste qualità, diventerà ancor più un fuoriclasse".

Un difensore, un centrocampista e un attaccante potrebbero andare?

"La quarta punta, Locatelli e un difensore centrale, oppure anche un terzino che possa sostituire Alex Sandro nel caso in cui dovesse andar via. Si parlava di Marcelo ma guadagna tanto, adesso ho letto di Gosens e mi sembra il giusto profilo per dare nuova linfa a quella fascia".

Infine una battuta su Gigi, come lo vedi il suo ritorno al Parma?

"E' la chiusura di un cerchio, visto che ha iniziato la sua carriera a Parma. Sono molto contento di questa scelta, è ancora il numero uno. Gigi sarà nuovamente protagonista, riporterà in A la squadra e giocherà l'ultimo anno nella massima serie".

Si ringrazia Amauri per la cortesia e la disponibilità dimostrata in questa intervista.