Sconcerti: "Juventus? Le dimissioni del Cda un sacrificio molto pesante. Se c'è un allenatore giusto per queste situazioni è Allegri"

30.11.2022 17:30 di Benedetta Demichelis   vedi letture
Sconcerti: "Juventus? Le dimissioni del Cda un sacrificio molto pesante. Se c'è un allenatore giusto per queste situazioni è Allegri"
TuttoJuve.com

Mario Sconcerti ha parlato a TMW Radio nel corso della trasmissione Maracanà: 

Come valuta le dimissioni del Cda?

"Ho pensato subito che fosse nell'interesse di chi dava le dimissioni allontanarsi dal calcio. Non conosco bene le dinamiche, ma è una cosa molto grave. Dimissionato il Cda da Elkann? Può essere. Di sicuro non sappiamo molto. Ma è una cosa estremamente dolorosa. Voglio sperare che siano stati gestiti nel modo migliore, ma una cosa del genere non la ricordo".

C'è chi parla di una nuova Calciopoli:

"Che non fosse atteso niente sarebbe stato troppo. Non penso tanto alla Juventus in quanto tale, ma un sacrificio di questo genere è molto pesante".

E' anche un Agnelli sacrificato alla causa?

"Credo che anche Elkann dei diritti li avesse in questo caso. Noi sappiamo veramente poco, ci vorrà un po' di tempo per capire meglio, ma la decisione è molto forte. Non siamo abituati ad avere decisioni di questo genere".

Intanto la squadra dovrà tornare in campo. Allegri ce la farà a isolare il gruppo da questa situazione?

"Credo che un momento così sia veramente duro da passare. E' un intero Cda che se ne va, è duro. Se c'è un allenatore adatto a questo tipo di situazioni credo sia Allegri. E' una situazione molto pesante".

I casi Juve e D'Onofrio, che immagini offre oggi il calcio italiano?

"Le istantanee sono sempre pericolose, raccontano solo un momento e lasciano spazio a un sacco di cose. Credo che la chiarezza sia sempre indispensabile e qui ce n'è sempre poca".

Che posto occupa questo caso?

"Lo colloco in un posto imbarazzato e imbarazzante, questo senz'altro. Non si capisce se le persone se ne vadno per difendere se stesse o una situazione, o per renderla ancora un po' più grigia. E' una grande storia, resa grande dai suoi protagonisti".

Quali gli errori da non commettere nel raccontare questa storia?

"Le scelte credo siano molto nette. Arrivano dei momenti in cui le cose scappano e diventano improvvisamente gravi, per cui è meglio troncare tutto subito".