Paparesta: "Paratici come Moggi? Proteste contro arbitri ci saranno sempre. Con Juve clamore diverso"

28.10.2020 17:40 di Giovanni Spinazzola Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico Gaetano
Paparesta: "Paratici come Moggi? Proteste contro arbitri ci saranno sempre. Con Juve clamore diverso"

Giuseppe Paparesta, ex arbitro, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Show. "Deroga a Giacomelli e lasciare a casa Manganelli? Manganelli è un assistente, le carenze dell'organico arbitrale sono abbastanza evidenti, si è deciso di unire le due Commissioni, di A e B, per consentire una più veloce crescita degli arbitri più giovani. Si sta creando confusione perché un arbitro può esser impegnato in Serie A dove c'è la Var ed in B, la domenica dopo, dove non può farlo. A questo si aggiunga che ci sono arbitri restii ad utilizzare il mezzo tecnologico e succede quello che è successo lunedì sera a San Siro. Nasca non può non verificare l'immagine, con il pestone di Pedro a Bennacer e non può non invertire la decisione di Giacomelli. Per dare un'interpretazione univoca, si è decisa di applicare la Var con un determinato protocollo. Nel caso di Giacomelli, a prescindere da tutto, doveva esser visto l'episodio, forse l'arbitro ha voluto dimostrare di non assecondare le richieste dei calciatori.

Paratici come Moggi? Le proteste nei confronti dei direttori di gara ci sono sempre state e sempre ci saranno. Ci sono dei momenti caldi di una gara che può esser anche riportata e fatta nelle giuste maniere. O sanzionata nelle giuste maniere: è chiaro che quando si verifica con la Juventus un caso del genere ha un clamore diverso. Se protesta la Juve non ha un effetto diverso, se ci sono queste proteste significa che si lamentano tutti e quindi si sta arbitrando senza subire pressioni".