Moggi a RBN: "Sarri sapeva dell'esonero almeno da cinque giorni. Pirlo ora va supportato"

12.08.2020 17:50 di Alessandra Stefanelli   Vedi letture
© foto di Stefano Porta/PhotoViews
Moggi a RBN: "Sarri sapeva dell'esonero almeno da cinque giorni. Pirlo ora va supportato"

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ’Cose di Calcio’, è intervenuto l’ex dirigente della Juventus Luciano Moggi: “Pirlo un rischio? Non è una critica né un’offesa, è alle prime armi e ha bisogno di una società che lo supporti. Poi è arrivato in un momento un po’ particolare, di transizione. Adesso sta alla società portare a termine il progetto tecnico, fare una squadra più armonica, che abbia giocatori importanti, ma anche quelli che riescano a supportare il suo gioco. Nonostante Ronaldo e Dybala l’attacco della Juve è il terzo del campionato, la difesa è la quinta, quindi c’è da lavorarci su questa squadra. Pirlo ha un’idea diversa da Sarri, sicuramente gli va dato un centrocampo un po’ diverso, che riesca a dettare i tempi”.

Sul cambio in panchina: “Sarri sapeva già dell’esonero almeno cinque giorni prima dell’ufficialità, la Juventus si è dimostrata corretta. In quel momento la Juventus ha capito che l’attacco e la difesa non hanno fatto sfaceli come dovevano, fatte queste considerazioni non c’era alternativa all’esonero”.

Clicca sul podcast in calce per la trasmissione integrale.


"Cose di Calcio" con Antonio Paolino e Chiara Papanicolaou. Ospiti: Alessandra Bacchetta (giornalista), Cristian Zenoni (ex calciatore), Niccolò Ceccarini (dir. Tmw radio) prof. Massimo Vercelloni e Luciano Moggi.