Lucescu: “Pirlo ha bisogno di tempo”

13.04.2021 07:30 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Lucescu: “Pirlo ha bisogno di tempo”
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Ha fatto la storia allo Shakhtar, ora prova a ripetersi con la Dinamo Kiev. E questa sarà la settimana del derby, che la squadra di Mircea Lucescu - la Dinamo - giocherà da prima in classifica. “Siamo primi, il derby contro lo Shakhtar che è uno scontro diretto. È un derby e conta solo vincere”, dice l’ex allenatore dell’Inter a TuttoMercatoWeb. 

Ad inizio anno alcuni tifosi della Dinamo non la volevano.
“E sono rimasti a contestare ancora oggi. Anzi, sa cosa le dico?”.

Prego.
“Meglio così, attirano l’attenzione di tutto il calcio: c’è un gruppo che non è vicino alla squadra nonostante la classifica dica che siamo primi”. 

Covid e tifoserie: stadi aperti in Ucraina?
“Dipende da ogni regione. A Kiev ad esempio non c’è pubblico. Speriamo che tutto ciò finisca. Non si può giocare senza tifosi”. 

Dallo Shakhtar alla Dinamo Kiev... come ha vissuto il passaggio da un punto di vista ambientale?
“Sono un professionista, volevo tornare a dimostrare sul campo. La Dinamo Kiev mi ha contattato e ho accettato. I tifosi dello Shakhtar non saranno contenti, però quello che ho fatto li, le emozioni e le sensazioni rimangono. Il resto fa parte del calcio”.

Lei con la sua Dinamo è primo, come l’Inter nel nostro campionato. Sarà Scudetto?
“Si, l’Inter vincerà. C’è troppo distacco per non riuscire a vincere. E poi non ci sono altre squadre in grado di contrastare i nerazzurri”.

Il gioco dell’Inter è stato criticato...
“Quando giochi per vincere un campionato non devi pensare al bel gioco. L’Inter è costruita per vincere, conta questo”.

La Juve di Pirlo rende al di sotto delle aspettative.
“Mi dispiace per Andrea, ma c’è bisogno di tempo. Sono convinto che farà bene”.

Verso gli Europei: la UEFA lavora per vaccinare i calciatori. Mossa giusta?
“La Uefa sa cosa fare. Non credo però che i calciatori abbiano bisogno dei vaccini, sono protetti con i continui test. All’inizio era difficile, ma ora il meccanismo è rodato. Vaccinare i calciatori non deve essere una priorità. Bastano i test negativi”.

Uno sguardo al futuro: se vince il campionato resta alla Dinamo?
“Penso alla partita di sabato. Il resto lo vedremo più avanti”.