La nuova Juventus deve ripartire dalle ali

29.06.2022 10:50 di TuttoJuve Redazione2   vedi letture
La nuova Juventus deve ripartire dalle ali
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

I futuri successi bianconeri passano attraverso i cross per Vlahović

Parola d’ordine: rifondare. Se la Juventus la prossima stagione vorrà conquistare lo scudetto, e ben figurare in Champions League, entro la fine dell’estate dovrà rifondare la rosa a disposizione. L’anno calcistico appena conclusosi ha messo in chiara evidenza come i bianconeri siano mancati a causa della poca qualità in campo. Tra tutti i reparti quello di centrocampo si è dimostrato essere il più debole, inadatto come è stato a creare gioco per gli attaccanti e, al tempo stesso, ad aiutare la difesa quando veniva insidiata dagli avversari. Arthur, Rabiot e in parte lo stesso Locatelli hanno deluso, e Zakaria finora non ha fatto la differenza come ci si aspettava. Dunque la sessione di calciomercato estiva dovrà rappresentare un’occasione d’oro per la Juventus per svoltare, che tra le altre cose deve pensare a come “armare” un fuoriclasse come Vlahović. Sì, perché il serbo dopo le prime ottime partite con la maglia bianconera – come quella che lo ha visto protagonista contro il Villareal – si è un po' perso, perché non ha mai avuto più di due o tre palloni giocabili a partita. Per non parlare poi dei cross messi in mezzo: inesistenti. Insomma, se il serbo fosse più coinvolto potrebbe segnare molto di più risultando decisivo. La società questo lo ha capito e infatti sta cercando due quinti di centrocampo in grado di far cambiare passo al bomber ex Fiorentina e in generale a tutta la squadra. Di nomi se ne stanno facendo parecchi; quello più probabile è Di Maria, un funambolo sulla fascia purtroppo non più giovanissimo. Certo è che nel dubbio meglio poterlo ingaggiare, anche fosse solo per un anno, visto che l’ex PSG vorrebbe rimanere in Europa per prepararsi al meglio per Qatar 2022, per poi chiudere la carriera in Argentina.

El Fideo sarebbe un gran colpo

Disporre di un calciatore forte di testa come il serbo e non poterlo servire correttamente con cross pennellati in mezzo all’area di rigore è un qualcosa che ha limitato enormemente il potenziale offensivo della Juventus. Per porre rimedio a questo problema, uno dei tanti che ha caratterizzato la passata stagione bianconera conclusasi con il 4° posto, Allegri e la società per costruire un nuovo corso vincente devono partire dalle ali, o come si chiamano oggi, dai quinti di centrocampo. Il nome più caldo è quello di Di Maria, un campione maturo – ormai 34enne – capace non solo di crossare ma anche di saltare l’uomo creando superiorità numerica. El Fideo, ossia lo spaghetto, come è stato ribattezzato l’argentino, se arrivasse a Torino sposterebbe gli equilibri in campo e al tempo stesso nobiliterebbe le quote Juve, che a quel punto diverrebbero meno allettanti per gli scommettitori ma almeno piuttosto sicure. Non solo: questo fenomeno sarebbe anche quel leader silenzioso che negli ultimi anni è mancato alla Juventus e che oggi farebbe molto comodo. La sua grinta e determinazione sarebbero uno sprone in più per i giovani della mediana, tra cui il promettente Miretti lanciato a fine campionato da Massimiliano Allegri.

Kostic: una scommessa che potrebbe rivelarsi vincente

Oltre a Di Maria la Juve vorrebbe tornare a volare sulle ali ingaggiando Filip Kostic. Il serbo dell’Eintracht, fresco vincitore dell’Europa League e vecchio pallino dell’Inter, sarà anche meno fantasioso rispetto a El Fideo ma sicuramente è più concreto in fase difensiva. Una caratteristica questa che piace molto alla formazione bianconera, che per ritrovarsi ha bisogno di giocatori versatili in grado di compattarsi quando ce n’è bisogno. L’unico dubbio è che Kostic non ha mai militato in una grande squadra, dunque l’eventuale salto in avanti potrebbe rivelarsi problematico. Insomma, il serbo sarebbe una scommessa, che se vinta potrebbe riportare la Vecchia Signora a lottare il prossimo anno per qualche trofeo importante come lo scudetto. Ovviamente questo sarà possibile se anche Di Maria vestirà la maglia bianconera.