Gravina: "Euro 2020? Senza pubblico sarebbe stato un disastro"

14.06.2021 17:20 di Alessandra Stefanelli   vedi letture
Gravina: "Euro 2020? Senza pubblico sarebbe stato un disastro"
TuttoJuve.com
© foto di Insidefoto/Image Sport

Cinque giorni dopo l’inaugurazione con i ministri Giorgetti e Garavaglia e con la sindaca Raggi, il presidente della FIGC Gabriele Gravina è tornato a ‘Casa Azzurri’ per incontrare la stampa. Il numero uno della FIGC ha voluto dedicare un pensiero alle vittime della sparatoria di ieri di Ardea, aggiungendo di voler dedicare un’eventuale vittoria con la Svizzera ai due bimbi morti nella strage, tra cui il piccolo Daniel, portiere dei Pulcini dell’Ostiamare: "Ci tengo a ringraziare i media per la modalità con la quale stanno raccontando questo Europeo - ha esordito in conferenza - per la voglia di far conoscere una nuova storia. Un progetto sportivo che abbiamo lanciato due anni fa, perché credo che espressioni come ‘nuovo rinascimento’ avessero un obiettivo chiaro, che stiamo cercando di declinare nel miglior modo possibile".

Il convincente successo nel match d’esordio con la Turchia ha confermato le potenzialità della Nazionale di Roberto Mancini, capace di inanellare una serie di 28 risultati utili consecutivi e candidata ad un ruolo da protagonista in un torneo continentale che rappresenta per diversi motivi un prezioso segnale di ripartenza: "Una competizione che andava giocata così - sottolinea Gravina - senza pubblico sarebbe stato un disastro, andava interpretata in questa maniera. Questo Europeo è l'unico caso in cui l'eredità è già nel presente. Questo è il messaggio da lanciare ai nostri tifosi, protagonisti di questo rilancio del nostro Paese. La prestazione della squadra è stata molto positiva, frutto di un grande lavoro e di un desiderio, quello di regalare agli italiani un obiettivo e un traguardo che mancano da diversi anni".