Garanzini (La Stampa): "Juventus, passo indietro rispetto a Verona. Sarri deve ripartire da Dybala"

14.02.2020 13:50 di Rosa Doro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Garanzini (La Stampa): "Juventus, passo indietro rispetto a Verona. Sarri deve ripartire da Dybala"

Nel suo editoriale per La Stampa, Gigi Garanzini ha parlato del momento di difficoltà che sta attraversando la Juventus: "Se parliamo di Coppa Italia, la Juventus ha risolto la pratica con il gol che vale doppio segnato dal dischetto da Ronaldo all’ultimo minuto: al ritorno oltretutto il Milan non avrà per squalifica Ibra, Hernandez e Castillejo, tre dei suoi uomini migliori. Se parliamo invece del momento bianconero, c’è stato rispetto a Verona un ulteriore passo indietro. Perché sì, il Milan ha giocato una buona partita, frutto di una partenza analoga a quella del derby, ma poi supportata da un secondo tempo anche migliore: pressando alto, accorciando sempre in avanti ma senza mai dimenticare di presidiare la porzione di territorio in cui si muoveva Ronaldo. Ma la Juve, con tutto il rispetto per il Milan e per il lavoro di Pioli di cui qualche frutto si comincia a intravvedere, non aveva di fronte i satanassi – del momento -di Juric: bensì una squadra che quattro giorni prima l’Inter, alzando le cadenze e l’austostima dopo la prodezza di Brozovic, aveva a gioco lungo disintegrato. La Juve invece, dopo quel primo tempo di sofferenza più o meno controllata, è andata addirittura sotto. Sarri può, anzi deve ripartire da Dybala che, come si è visto una volta di più, è l’unico trasformatore di corrente in dotazione: più gli altri giochicchiano più lui trova sempre il modo di illuminare. Ma il resto inquieta se, per esempio, il miglior centrocampista della serata è di gran lunga Kessie. Certo, non Ramsey, sempre più parametro zero".