Conte a Sky: "+12 sulla Juve? Provo meraviglia, ma non vuol dire che siamo più forti di loro"

07.04.2021 23:00 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Conte a Sky: "+12 sulla Juve? Provo meraviglia, ma non vuol dire che siamo più forti di loro"
TuttoJuve.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Il tecnico dell'Inter Antonio Conte è stato intervistato da Sky dopo il successo sul Sassuolo: "Per noi in ogni partita il pallone comincia a pesare in maniera importante, stiamo facendo qualcosa di veramente importante e tanti ragazzi si trovano in questa situazione per la prima volta nella loro carriera. E' una vittoria di grandissimo valore, da qui alla fine ogni vittoria varrà sei punti. Stiamo dando una continuità di risultati impressionante e va dato merito ai ragazzi. Siamo arrivati a un punto della stagione in cui la strategia è molto importante, in ogni gara abbiamo l'umiltà di riconoscere i pregi dell'avversari ma anche la capacità di colpire i loro difetti. Al Sassuolo, ad esempio, piace palleggiare e abbiamo avuto l'umiltà di portarli dove volevamo noi. Al di là del possesso palla, abbiamo fatto due gol ma anche sprecato occasioni clamorose e potevamo rendere il punteggio più rotondo. Detto ciò, loro hanno fatto una buona partita ma noi abbiamo un obiettivo importante perché ormai siamo una pretendente serissima per lo Scudetto".

Qualcosa di più...
"Non è un problema il fatto di essere favoriti. Abbiamo l'umiltà per farlo e s'è creato una spirito importante, non abbiamo la puzza sotto il naso e siamo tutti pronti a sporcarci le mani".

Lautaro Martinez è diventato un giocatore di altissimo livello.
"Come tutti quanti i giocatori anche lui è cresciuto. Ieri mi avevano chiesto proprio di Lautaro e ho elogiato i suoi progressi, sta crescendo in maniera esponenziale da tutti i punti di vista. Lui e Lukaku stanno facendo molto bene ma vorrei anche sottolineare le prove di Sanchez: in questo momento meriterebbe molto di più, sono onesto e dico che sono in difficoltà, è tornato ad essere un giocatore molto importante e l'ho detto anche a lui. Elogio il suo spirito, è un elemento importante e ci tengo a fargli elogi perché li merita. E' pronto a giocare dall'inizio, a gara in corso e oggi avrebbe meritato il gol".

Cosa prova ad avere 12 punti in più sulla Juve?
"Provo meraviglia. Nel giro di due anni recuperare così tanti punti nei confronti della squadra che ha dominato negli ultimi 9 anni era difficile anche nei migliori sogni. Questo non vuol dire che siamo più forti della Juventus, perché ha una squadra forte e l'ha dimostrato anche oggi col Napoli".

Allora come avete fatto?
"Ci siamo rotolati le maniche e abbiamo iniziato a lavorare in maniera importante per avere l'obiettivo di essere credibili in un campionato italiano che era dominato da una sola squadra. Credo che ci siamo riusciti, è stato un aspetto motivazionale importante in una rosa con tanti giocatori che per la prima volta si trovano a giocare un traguardo così importante. Lo scorso anno siamo arrivati in finale di Europa League, ora ci stiamo giocando un traguardo molto importante".

L'importante è quello che si ottiene, non come...
"Per quanto riguarda l'estetica credo che l'Inter abbia giocato anche ottime gare. Noi abbiamo fatto una Champions importante, recuperando anche col Real Madrid e abbiamo vinto in casa del 'Gladbach ma del gioco mostrato non è fregato nulla a nessuno. Poi alla fine tutti sono bravi a parlare, ma ti dicono che sei uscito dalla Champions... Noi abbiamo un obiettivo e l'estetica se arriva è bene, altrimenti amen, l'importante è lo Scudetto. Per l'estetica, poi andiamo tutti a un centro estetico e faremo un lifting".