Colantuono: "La Juve rimane la squadra da battere. Allegri attaccato ingiustamente. Icardi? Non credo possa andare a Torino"

20.08.2019 19:20 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
© foto di Nicola Ianuale/TuttoSalernitana.com
Colantuono: "La Juve rimane la squadra da battere. Allegri attaccato ingiustamente. Icardi? Non credo possa andare a Torino"

Stefano Colantuono, ex allenatore tra le altre di Atalanta e Torino, è intervenuto durante il palinsesto pomeridiano di TeleRadioStereo. Queste le sue parole:


Che idea si è fatto delle nuove panchine della Serie A?
La Juve rimane la squadra da battere con l'Inter che si è avvicinata ulteriormente rispetto gli ultimi anni, ha una rosa competitiva ed un nuovo allenatore che aggiungerà qualcosa. Anche il Napoli ha fatto bene e si muoverà ancora sul mercato. La Roma è una squadra giovane ma se i ragazzi manterranno le aspettative tra qualche anno i giallorossi avranno una squadra molto forte. Ancora non la vedo pronta a competere per il vertice però, con il Milan e la Lazio dovrà lottare per il quarto posto.

La Juve a Sarri?
A Torino hanno chiuso un ciclo in cui hanno vinto sempre e sono andati vicino anche alla Champions League, credo abbiano scelto un allenatore importante con una filosofia precisa. Le società e i tifosi vogliono vincere a prescindere, non significa necessariamente farlo con il bel gioco. E' un qualcosa in più ma chi vince ogni anno ha comunque fatto meglio delle altre. Allegri è stato attaccato ingiustamente, non si può attaccare un allenatore che negli ultimi anni ha vinto solo lui.

Che Inter si aspetta? E' Conte la carta per colmare il gap con la Juventus?
Io adoro Antonio Conte ma dire che lui che farà la differenza significa svalutare un po' il lavoro di Spalletti degli scorsi due anni. L'Inter ha acquistato giocatori importanti e hanno costruito una squadra per avvicinarsi il più possibile alla Juventus e con Conte può essere sicuramente più facile. La Juventus cambiando allenatore e filosofia di gioco potrebbe subire qualcosa all'inizio e frenare, ma si tratta di un problema marginale perché la squadra è forte.

Zappacosta?
E' un giocatore che conosco bene come Spinazzola. Sono cresciuti e sono migliorati negli ultimi anni, Davide ha grandi qualità fisiche ed è un ragazzo molto serio. Il Chelsea non lo avrebbe portato a Londra se non fosse stato un giocatore di livello. E' anche relativamente giovane ed è nella fase migliore della sua carriera, ovviamente non si aspettava di giocare così poco a Londra ma a Roma può fare bene. E' un giocatore che si adatta e potrebbe fare coppia con Florenzi. E' un acquisto che ci sta.

Florenzi?
Nella mia visione e per come lo conosco è un ragazzo che dove lo metti sta. E' un tipo di giocatore che serve a chiunque e può colmare le diverse lacune che si possono creare durante la stagione visti i tanti appuntamenti. Negli ultimi anni ha giocato da terzino e può continuare lì ma all'occorrenza può anche avanzare ed essere un'arma in più per la Roma.

Icardi?
Questo contenzioso con l'Inter conviene risolverlo il prima possibile. Vista al situazione è meglio che le strade si dividano. A lui consiglio di fare di tutto per andare a giocare, ovvio che ci sono anche fattori economici ma fossi in Icardi cercherei di giocare e lo farei restando in Italia. La Roma poteva essere una buona soluzione, non credo possa andare alla Juventus perché non credo Marotta voglia rinforzare una diretta concorrente. Una strada ancora percorribile è il Napoli e si affermerebbe sicuramente in modo importante.