Cagni a TMW Radio: "Pirlo non ha dimostrato niente sotto l'aspetto tattico e di gestione"

13.04.2021 17:00 di Simone Dinoi Twitter:    Vedi letture
Cagni a TMW Radio: "Pirlo non ha dimostrato niente sotto l'aspetto tattico e di gestione"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

A commentare i temi del giorno a TMW Radio, durante Maracanà, è stato mister Gigi Cagni.

Juventus, guardando in prospettiva si può continuare con Ronaldo, rinunciando a Dybala e a Pirlo? Oppure tenere Pirlo e vendere i giocatori?
"Le domande sono due: perché ho preso Pirlo? Perché ci credevo o altro? E poi che obiettivi ho il prossimo anno? Da questa risposta dipendono le scelte future. Se io devo giocarmi la Champions, cose importanti, io prendo l'allenatore esperto".

E sui dirigenti?
"Paratici? Non è il suo mestiere, ma sta imparando da quando è andato via Marotta. Fa degli errori, non è semplice. La prima cosa da risolvere e non sbagliare è il tecnico. Pirlo ha dimostrato dei limiti importanti, non ha dimostrato niente sotto l'aspetto tattico, della gestione delle partite. Ha dei limiti come tutti i tecnici all'inizio. Se lo tengono, è perché loro hanno visto di più di quello che ho visto io. Io non ho visto una grande capacità tecnico-tattica della gestione della partita e nella sua preparazione".

Milan, un pensiero sulla squalifica di Ibrahimovic:
"Manca l'elasticità. Vuol dire che l'offesa non c'è stata. La personalità di un arbitro si vede anche in questo".

Napoli, Roma e Lazio: su cosa devono puntare per rientrare in zona Champions?
"La Roma? Mi ha deluso Fonseca, pensavo fosse più bravo sotto l'aspetto tattico e di gestione della partita, con una rosa non eccelsa ma con elementi di qualità nei 13-14. Non è riuscito a mettere a posto la fase difensiva. La Lazio ha una rosa corta ed è difficile. Ora il Napoli con il ritorno di Mertens e Osimhen è una squadra importante. C'è un grande rapporto poi tra giocatori e Gattuso, altrimenti non sarebbero arrivati a questo punto".

Sarri vicino alla Roma:
"I giocatori forti devi lasciarli liberi, non mettersi su delle rotaie. Un tecnico come lui non può prendere una squadra importante".