Beccantini: "Riuscirà la Juve di Pirlo a tenere una partita intera? Un tempo contro l'Atalanta non basterà"

11.04.2021 23:00 di Redazione TuttoJuve Twitter:    Vedi letture
Beccantini: "Riuscirà la Juve di Pirlo a tenere una partita intera? Un tempo contro l'Atalanta non basterà"
TuttoJuve.com

Il giornalista Roberto Beccantiniha commentato Juve-Genoa sulla sua pagina facebook. Ecco le sue parole: "Riuscirà, con questa rosa, la Juventus del nuovo allenatore o del «nuovo» Pirlo a tenere una partita intera? Non si pretende la luna, e nemmeno che tutti i primi tempi combacino con quello odierno, ma neppure che contro il Genoa, che è una buona squadra ma non il Santos di Pelé, soffra come e quanto ha patito fino al 70’. Sino, cioè, al 3-1 improvviso e liberatorio di McKennie.

Questa volta l’ha salvata Szczesny, provvidenziale su Scamacca (già al 45') e su Pjaca, che l’ha poi graziata dal limite. Era partito, Pirlo, con l’avanti Savoia di incerto galoppo, Kulusevski a destra, Morata, Cristiano, Chiesa a sinistra. Non ci crederete: alla grande. Subito il gol di Kulu, su tocco di Cuadrado, quindi il raddoppio di Morata, dopo fuga di Chiesa e palo sbirulo di Cierre. Giocava di squadra, Madama: in pressing, meno a rugby del solito, con la catena di destra (Cuadrado-De Ligt-Kulu) a distribuire calcio.

Punto e a capo, in tutti i sensi. Ballardini ha frustato i suoi, inserito Pjaca e Ghiglione, alzato la testa. Pirlo ha tolto Cuadrado - perché ammonito, immagino - e, in piena burrasca, anche Kulu. Poteva giocarseli diversamente, i cambi? Poteva. Era da richiamare Cristiano, in crisi di astinenza e, per questo, non proprio sereno: la maglia buttata ne sarà fedele e grottesco testimone.

Ciò spiegato, bisognerebbe raccontare dei troppi errori tecnici: in contropiede, soprattutto. Uno di Chiesa, con Morata a destra e il marziano a sinistra, addirittura madornale. E qui l'allenatore non c'entra un tubo. Al posto di Ballardini, non avrei sacrificato Scamacca, autore di un gol non banale: serviva. Non solo: erano appena entrati Dybala e McKennie. E il texano, zac, eccolo scartare, goloso, il pasticcino che Danilo aveva sottratto al dormiente Ghiglione. In attesa che l’Omarino riempia il serbatoio, detto che il Genoa ha chiuso in dieci e i campioni avevano nelle gambe il Napoli di mercoledì, il calendario si protende, non meno goloso di McKennie, verso Atalanta-Juventus. Un tempo non basterà".