Avv. De Rensis a RBN: "Le carte esistono nel momento in cui si possono leggere, il resto è filosofia"

06.12.2021 16:50 di Alessandra Stefanelli   vedi letture
Avv. De Rensis a RBN: "Le carte esistono nel momento in cui si possono leggere, il resto è filosofia"
TuttoJuve.com
© foto di www.imagephotoagency.it

Nel corso di 'Ieri e Oggi', in onda su Radio Bianconera, è intervenuto l’Avvocato Antonio De Rensis, uno dei maggiori e più noti esperti di diritto sportivo. Chiarissime le sue parole a riguardo dell’indagine plusvalenze: "Io ho espresso più volte la mia perplessità, non per l’inchiesta perché i magistrati fanno il loro lavoro, ma perché se si vuole risanare il mondo del calcio, lo si deve fare davvero, ponendo regole chiare che valgano per tutti. Le plusvalenze le fanno tutti, le regole, se si creano in maniera non interpretabile, hanno valenza e non possono essere eluse. Le prime domande dovrebbero porsele Figc e Lega di Serie A per questa inchiesta. Qui sembra che si sia scoperta l’esistenza delle plusvalenze con la Juventus, o che la società bianconera abbia creato il mondo delle plusvalenze. Spero che questa vicenda aiuti il mondo del calcio a capire che serve sedersi per riscrivere le regole del calcio. Tutti parlano di riforme ma serve operare. Le carte esistono nel momento in cui le posso leggere, il resto è filosofia. Aspettiamo di vedere se vi è stata o meno qualche irregolarità. Per come è strutturato il nostro sistema, nel momento delle indagini preliminari, chi viene indagato è debolissimo perché si sa poco e si è alla mercè di mille voci. Servono nervi saldi e pragmatismo e sono certo che la Juventus saprà dimostrare la sua estraneità ai fatti. Mi risulta difficile oggi pensare che un trasferimento come quello di Ronaldo, il calciatore più famoso al mondo , sia stato fatto in maniera poco chiara. Attendiamo lumi a riguardo, serve essere prudenti in questo senso. Sento anche parlare di procure e commissioni ad agenti. Ci vorrebbe poco per cercare di regolare anche questa tipologia di situazioni, vedo una grande attenzione, negli ultimi mesi, rivolta nei confronti della Juventus. Pensare che la Juventus sia la madre di tutti i mali è una cosa ingiusta e senza alcun fondamento", ha concluso.